gototopgototop


Cinquantenne processato

per furto di abiti talari

alla cattedrale di Mondovì


Garessio e Ormea in agitazione

per Mwb e Sanpellegrino


Claudio Dezzani nuovo

responsabile Chirurgia a Ceva


Il mondo piange il Nobel Gordimer

Intervista alla figlia Oriane

PDF Stampa E-mail

Parroco di Frabosa Sottana scampa ad agguato in Brasile

Colpi di mitraglia contro l'auto. «Sono vivo per miracolo»

FRABOSA SOTTANA - Don Gianni Martino, parroco della chiesa dell’Alma, a Frabosa Sottana, è scampato ad un vero e proprio agguato mortale mentre si trovava in Brasile, nella città di Nova Iguacu. Don Gianni tornava, alcune sere fa, da una località vicino a Rio de Janeiro, quando un commando armato di mitraglietta, intorno alle 22,30, ha sbarrato la strada all’auto su cui il sacerdote viaggiava. «Ho solo visto un uomo scendere dall’auto e sparare con una mitraglia una gragnuola di proiettili contro il parabrezza – racconta il prete -. Per un miracolo i colpi non hanno bucato il vetro». Il sacerdote ha cercato di ripararsi all’interno dell’abitacolo. «Ero certo che il killer arrivasse vicino all’auto per ucciderci aggiunge -, ma l’autista è riuscito ad ingranare la marcia e ad allontanarsi dal luogo dell’agguato. Sull’auto c’era anche una donna che stavamo accompagnando a casa. E’ un miracolo, siamo tutti salvi. Siamo riusciti a far perdere le tracce agli aggressori. Penso sia stato un tentativo di rapina. Purtroppo in quella zona sono scene consuete». Don Gianni, 72 anni, torna spesso in Brasile per aiutare le comunità più povere. L’ultima volta era stato nel 2008. Quest’anno ha festeggiato i 50 anni di sacerdozio intrapreso il 5 luglio 1964 a Calizzano, in provincia di Savona. Era partito il 6 luglio scorso dall’aeroporto di Caselle.

 

Invariati i costi per le famiglie – Regione: «Ridurre i costi o trasporto a rischio»

Bus scolastici e mensa per gli studenti:

Mondovì è la città meno cara della Granda

MONDOVI’ – Le famiglie, a settembre, dovranno fare i conti con gli aumenti del materiale scolastico, ma, almeno a Mondovì, non dovranno confrontarsi con un aumento delle tariffe del trasporto urbano e extraurbano per gli studenti che si recano nella “città degli studi” per le lezioni. Le tariffe relative al trasporto scolastico di ogni grado, ma anche alle mense per le scuole dell’obbligo resta fermo e sono le più basse tra le sette sorelle (per Bra e Savigliano non è stato possibile confrontare i dati, ma risultano comunque città più care di Mondovì). La delibera che “cristallizza” i costi per le famiglie è della Giunta del sindaco Stefano Viglione e risale a qualche giorno fa. Nel 2009 i trasporti erano aumentati del 15% rispetto all’anno prima, ora Mondovì diventa la città più “economica”. Per le Materne il costo del pasto rimane di 4,47 euro, così come quello per Elementari e Medie è confermato a 4,67 euro. Uguali allo scorso anno anche i prezzi degli abbonamenti bus, che sono pari a 221 euro (previsti sconti per il secondo figlio e successivi). L’abbonamento comprende anche l’uso della funicolare.

Uno sguardo agli altri centri maggiori della Granda: Ad Alba l’anno scorso la mensa andava da 4,75 euro (materna) ai 4,85 (medie), fino a 5,15 euro per i non residenti e l’abbonamento trasporti costava 240 euro. A Cuneo: menda materna 4,90, medie 5,30, trasporti 243. Per Fossano e Saluzzo si possono già fare i confronti con il prossimo anno scolastico. Nella città degli Acaja da 4,91 a 5,03 per le mense e abbonamento trasporti a 289 euro. A Saluzzo: 5,30 alle mense, per le scuole primarie.

Intanto sul tema c’è subbuglio in Regione. L’assessore ai Trasporti Francesco Balocco (di Fossano) , aveva lanciato nei giorni scorsi l’allarme. “Se non reperiamo subito risorse aggiuntive, il Trasporto Pubblico Locale è a rischio e non saremo in grado di garantire il servizio di trasporto scolastico ed in particolare il sabato, nelle province i cui gli Istituti hanno optato per la settimana lunga, ma l'intero servizio rischia in alcune aree di subire drastiche riduzioni”.

 

Twitter

 

famila banner.jpg