MENU

GARESSIO

Ferruccio Ferreri, 101 anni compiuti a maggio, ha presentato il suo libro di memorie

Campagna di Russia, senza sparare un colpo, e prigionia in Siberia: il garessino Ferruccio Ferreri si è raccontato in un libro a 90 anni, ripubblicato lo scorso anno per il suo secolo di vita.

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:

Un'antifascista alla campagna di Russia: neanche un colpo sparato dal suo fucile, che aveva l'otturatore rotto già alla partenza, e poi arriva la resa ("Un mattino quando ci siamo svegliati abbiamo visto i Russi comparire in mezzo al grano, sorridendo, ci avevano circondato e la mia guerra è finita lì", racconta) e la prigionia in Siberia, prima del ritorno a casa e delle difficoltà nel  trovare lavoro, perché era considerato una spia dei sovietici. Il garessino Ferruccio Ferreri si è raccontato in un libro a 90 anni, ripubblicato lo scorso anno per il suo secolo di vita dalla Primalpe "A cent'anni ancora ricordo". Il maltempo, ieri sera venerdì 16 luglio, non ha permesso lo svolgimento della serata nel giardino di Villa Gobbi, ma la sala si è riempita in pochi minuti per ascoltare i suoi racconti scanditi dagli interventi di Marita Rosa e del direttore della Biblioteca Civica "Federici" Giuliano Molineri. 

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl