MENU

Interrogazioni del senatore Bergesio al ministro delle Infrastrutture e del consigliere Gagliasso all'assessore regionale della viabilità

Val Tanaro: riflettori puntati sulla sicurezza della “strada per il mare”

Interrogazioni del senatore Bergesio al ministro delle Infrastrutture e del consigliere Gagliasso all'assessore regionale della viabilità

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Incidente stradale a Bagnasco: muore un uomo di 85 anni residente ad Ormea

Foto di repertorio di incidente a Bagnasco

CEVA - L’intervento del segretario della Lega di Ceva e Val Tanaro, Giorgio Bove, da noi riportato nei giorni scorsi, che alla luce dei 4 incidenti, di cui uno mortale, avvenuti nell’arco di appena 20 giorni, ha espresso forte preoccupazione per la situazione della statale 28 del colle di Nava, ha riacceso i riflettori sulla questione della sicurezza della “strada per il mare”, che da decenni è fonte di continui timori tra gli Amministratori e la popolazione della valle Tanaro. In questi giorni due parlamentari ed un consigliere regionale di centro destra, Monica Ciaburro, FdI, Giorgio Maria Bergesio e Matteo Gagliasso, hanno presentato interrogazioni al Governo e al Consiglio regionale per chiedere interventi urgenti.

L’INTERROGAZIONE DEL SENATORE BERGESIO AL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE

“La statale 28 da Fossano a Imperia è spesso interessata da incidenti stradali - si legge nell’interrogazione presentata al ministro delle Infrastrutture dal Senatore Giorgio Maria Bergesio, Lega, con i colleghi Casolati, Ferrero, Montani e Pianasso -. Tra i principali progetti di ammodernamento della 28, di cui si parla dagli inizi degli anni Novanta del secolo scorso, vi è quello che riguarda la variante fra Pieve di Teco e Ormea, quale tratto di maggiore asperità dell'intero tracciato. Trattasi, in particolare, di 8 tunnel e 7 viadotti da realizzare, per circa 9,2 km, che consentono di tagliare 144 curve e di ridurre a una decina di minuti il tempo di percorrenza fra Pieve di Teco e Ormea. Tra gli interventi da realizzare spicca quello per il traforo tra Armo (IM) e Cantarana (CN) di 2970 metri di lunghezza. Il costo complessivo degli interventi per la variante ammonta a 300 milioni di euro. A gennaio è stato approvato il progetto definitivo di Anas per i lavori sulla predetta variante e serve ora che siano stanziate le risorse necessarie affinché possano prendere avvio i lavori previsti. A tal proposito, la Regione Piemonte e la Regione Liguria hanno chiesto che tali interventi siano inclusi tra quelli prioritari di Anas”.
“Considerato che - riporta l’interrogazione - la strada statale 28 del Colle di Nava è un'arteria strategica di collegamento tra i territori e le economie liguri e piemontesi, il cui ammodernamento e messa in sicurezza sono da tempo attesi da popolazione, imprenditori e operatori economici; che la realizzazione dei lavori previsti per la variante fra Pieve di Teco e Ormea porterà un sostanziale miglioramento dei collegamenti tra il basso Piemonte, l’Imperiese, il Savonese, tutto il Ponente ligure e la vicina Costa Azzurra, incrementando considerevolmente potenzialità e funzionalità di un corridoio strategico che collega l’Europa al Mediterraneo; che i lavori previsti per la variante fra Pieve di Teco e Ormea sono frutto di un’attenta progettazione, che garantirà riduzione dei tempi di percorrenza, aumento della sicurezza e della capacità dei flussi di traffico di persone e merci, riduzione dei consumi e tutela della naturalità del paesaggio e dell’ambiente idrico, al Ministro si chiede di sapere se non ritenga opportuno adoperarsi, con sollecitudine, affinché siano stanziate le risorse necessarie alla realizzazione degli interventi per tale variante e se e quali azioni di sua competenza intenda attivare per l'ammodernamento e la messa in sicurezza della strada statale 28 del Colle di Nava”.

L’INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE MATTEO GAGLIASSO ALL’ASSESSORE REGIONALE ALLA VIABILITÀ

“Anas acceleri gli interventi”, scrive in una nota il consigliere regionale Lega Salvini Piemonte, Matteo Gagliasso, che prosegue:
“Ho depositato proprio oggi una interrogazione alla Giunta per sollecitare, affinché vengano posti in essere seri e rapidi interventi sulla Statale 28, che solo nell’ultimo mese è stata teatro di 3 incidenti gravi. Salita Mombrignone, cave di Bagnasco e Eca Nasagò sono interventi che già godono di un finanziamento e che non possono attendere ancora”.
“I colleghi del Consiglio regionale Ligure – conclude il cuneese Gagliasso, che in Regione è Vicepresidente della V Commissione – con altrettanta preoccupazione si muovono perché la strada che collega Ceva e Imperia sia oggetto dei lavori da tempo attesi. Sabato e domenica turisti e gitanti animeranno le nostre strade verso il mare, la Lega sarà in prima linea in Regione perché il cantiere, che deve aumentare la sicurezza e garantire la creazione di una viabilità alternativa adeguata ai volumi di traffico, divenga realtà. Vogliamo una stagione estiva sicura per i nostri cittadini e per i turisti che sceglieranno il nostro territorio per una gita o per la sospirata vacanza al mare”.

IL COMMENTO DEL SEGRETARIO LEGA CEVA E VAL TANARO GIORGIO BOVE

“Nei giorni scorsi ho nuovamente sollevato la questione e sono soddisfatto che gli esponenti della Lega in Senato e Regione, e di FdI alla Camera hanno presentato interrogazioni. Grazie a questo, verrà posta all’attenzione sia del Governo a Roma sia del Consiglio regionale a Torino una questione così importante per la valle”.

Muriel Bria

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl