Cerca
Langa
2017-11-03
condividi
Ecco i dati del turismo a Dogliani:

è boom di visitatori nei mesi estivi

In 521 hanno fatto tappa all’Ufficio Turistico: 258 solo tra giugno e agosto

Sono stati 521 quanti, nel periodo tra il 25 marzo (giorno in cui l’ufficio è stato riaperto) e il 20 ottobre 2017, hanno fatto tappa all’Ufficio Informativo del Comune di Dogliani. Questo dato, alla vigilia di uno degli eventi più attesi come la Cisrà, ce lo ha fornito lo stesso Infopoint di Piazza Umberto I che fra un paio di settimane conoscerà la consueta chiusura invernale. A bussare alla sua porta tanti italiani (160 nuclei familiari) ma anche stranieri provenienti perlopiù da Germania (43), Regno Unito (28), Francia (24), Svizzera (12) Olanda (10), Belgio (8), Usa (1). «Il Paese che conta la percentuale maggiore - spiega la responsabile Giulia Barroero - rimane la Germania, anche se le presenze di Inghilterra e Francia sono notevoli. Complice la vicinanza, troviamo anche la Svizzera. Anche il numero di turisti italiani è in deciso aumento: dopo il Piemonte, i bacini maggiori a livello turistico risultano quelli di prossimità (Lombardia e Liguria) seguiti dal Lazio e della Toscana. Il numero maggiore di visitatori è senza dubbio piemontese, con arrivi dalla “Granda” e dal Torinese. E come l’anno passato, è aumentato anche il numero di doglianesi che fa ricorso all’Ufficio Turistico per richieste di eventi cittadini o nelle zone limitrofe. Molto buone sono anche il numero di richieste via mail e telefono, da precisare non solo italiane ma straniere (richieste materiale informativo, eventi, ristorazione e ricettività)».

Scorrendo i dati salta subito all’occhio come, curiosamente, nel 2017 è cresciuto il numero di visitatori nei mesi estivi: 60 a giugno, 102 a luglio e 96 ad agosto. Un fatto inusuale  per Dogliani che viene considerata meta turistica soprattutto in autunno quando le Langhe, danno il meglio di sé. «Abbiamo avuto uno “scatto” importante a luglio - conferma Federica Abbona, assessore comunale al Turismo - che testimonia come il nostro territorio oggi venga apprezzato non solo in autunno. È evidente come quest’estate il turismo abbia letteralmente cambiato marcia. Lo abbiamo percepito un po’ tutti: nell’Ufficio Turistico, nelle aziende vitivinicole e nelle altre attività presenti in città».

Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
Articolo scritto da:
f.trax
ULTIME NEWS
Mondovì
Nel fine settimana non tutti i negozi aderiranno alle promozioni da venerdì a domenica
SOCIAL
IL FONDO
“Metterci la faccia”, in fondo, non è difficile. C’è una campagna efficace, uno slogan, bravi fotografi, le luci. L...