Cerca
Mondovì
2017-11-11
condividi
Domenica a Mondovì il “fenomeno” delle percussioni Christoph Sietzen
Secondo appuntamento a Piazza con il Festival dei Giovani Musicisti Europei

MONDOVÌ - Mondovì attende il “fenomeno” delle percussioni. Parliamo del lussemburghese Christoph Sietzen, appena 25 anni, che è stato definito come uno dei più grandi talenti del nuovo secolo. L’attesa durerà fino a domenica: appuntamento, come sempre in matinée alle ore 11, nella sala del Circolo di lettura di Mondovì Piazza. Un concerto che va al di là dei “confini stretti” della musica classica ed è pensato anche per un pubblico giovane.

Christoph Sietzen tocca Mondovì in mezzo ad un tour di concerti sensazionale (si va da Budapest a Berlino, da Londra ad Amburgo). E si porta dietro etichette importanti. C’è chi l’ha definito “il talento del secolo!”, chi “un grande fenomeno europeo”, da tanti è conosciuto come il “percussionista che canta”. Di sicuro è un genio, con uno stile tutto suo. Ed i concerti diventano veri e propri show.

Nato a Salisburgo nel 1992, il lussemburghese incomincia gli studi della batteria a sei anni e successivamente studia contrabasso e cembalo. Oggi, dopo aver vinto i più importanti concorso, si esibisce nelle grandi sale di concerto di tutto il mondo. Dal 2014 - pensate, aveva appena 22 anni! - insegna al conservatorio di musica e teatro a Vienna.

Appuntamento alle ore 11 alla Sala del Circolo di Lettura di Mondovì Piazza. L’ingresso, come sempre, è gratuito. Sietzen proporrà nel suo show, fra il resto, le “Attraction, for Marimba, Vibraphone and Tape” di Emmanuel Séjourné, ma pure la “Partita für Violine” di Bach, arrangiata per Marimba [...]

Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
fenomeno percussioni sietzen mondovì
Articolo scritto da:
m.g.
ULTIME NEWS
Mondovì
Sindaco Adriano e assessore Carboni: «Premiata una progettualità complessiva: 1,5 milioni di euro»
Mondovì
Nel Natale 2014 distrussero parte del locale
SOCIAL
IL FONDO
La vicenda delle restituzioni farlocche dei parlamentari Cinque Stelle fa riflettere su molti aspetti. Uno, tecnico, dice che il servizio delle Ien...