Cerca
Mondovì
2018-02-01
condividi
Il ministro Fedeli risponde alla lettera di Confindustria Cuneo
«Inaccettabile: non si guarda al sapere, messaggio sbagliato»

L’apertura dell’edizione in edicola di Provincia granda questa settimana, riporta la notizia dell’intervento del presidente di Confindustria Cuneo Mauro Gola ripresa da numerosi media nazionali. Ora c’è la replica del ministro Valeria Fedeli, titolare del dicastero dell’Istruzione. Gola, in una lettera aperta, aveva lanciato un appello alle famiglie: “Nei prossimi anni, secondo l’indagine che riguardano le imprese, le figure che troveranno lavoro saranno operai specializzati, tecnici specializzati nei servizi alle aziende, addetti agli impianti e ai macchinari” (Qui la versione web dell’articolo: www.provinciagranda.it/dettaglio.php?id=3310).

Al presidente di Confindustria, come riferisce l’Ansa, ora risponde il ministro Fedeli, in occasione della presentazione di un rapporto della Fondazione Agnelli sull’occupazione dei diplomati di istituti tecnici e professionali. Per il ministro “è inaccettabile” quel che ha detto il presidente di Confindustria di Cuneo, perchè ha dato un messaggio sbagliato verso le imprese, gli studenti e le famiglie”.

Le parole del presidente di Confindustria di Cuneo, afferma il ministro, equivalgono a dire agli studenti: “Oggi mi serve quella tipologia di attività senza guardare a quel che serve domani. L’ apprendimento permanente è uno temi dell’oggi e del domani”.

Per la Fedeli, infine, il saper fare non può non accompagnarsi al sapere.

SOCIAL
IL FONDO
Confesso. Ho atteso prima di scrivere questo commento, perchè nell’immediatezza dei fatti della scorsa settimana temevo di non essere ...