Cerca
2018-02-02
condividi
Nella foto, le anticipazioni del nostro giornale sull’edizione cartacea
La morte del consigliere comunale avvenne la sera del 19 settembre scorso
San Michele Mondoví: il compagno di Erica indagato per omicidio volontario
Cambia l’accusa nei confronti dell’uomo residente a Lesegno

SAN MICHELE MONDOVÍ - Ora l’accusa è di omicidio volontario. L’ipotesi di reato formulata della Procura di Cuneo è mutata nelle ultime ore. Per la morte di Erica Beccaria, 42 anni, avvenuta nel settembre scorso, il compagno Claude Laurent Silvano, 35 anni, originario di Aosta, residente a Lesegno, c’era l’iscrizione nel registro degli indagati per “omicidio colposo”. Ora la prospettiva con la quale gli inquirenti indagano è del tutto diversa. Sull’edizione cartacea uscita mercoledì (nella foto) avevamo anticipato che le indagini si stavano concentrando su alcuni particolari che non convincevano. Come abbiamo anticipato, due sono state le perizie della Procura. Sulla presenza di capelli sul cofano della Bmw guidata (si presume) dal lesegnese e la dinamica stessa dell’incidente. È chiaro che anche le tesi della Procura andranno dimostrate: gli elementi in mano all’accusa si fondano sulle testimonianze di persone che il 19 settembre scorso videro Erica e Claude a San Michele. E poi sulle registrazioni delle telecamere di sicurezza che riprendono gli ultimi istanti di vita della donna mentre cammina, lungo via Nielli, ma non riprenderebbero il momento dell’incidente. Erica aveva in braccio il suo cagnolino che, il giorno dopo l’incidente, fu trovato morto nella ripa dove era finita l’auto. Silvano fu ricoverato al Santa Croce di Cuneo con vari traumi ed operato. Uno degli elementi che ha fatto "virare" l'ipotesi di reato è la perizia sulla salma della donna: presentava la frattura degli arti inferiori, circostanza che potrebbe essere collegata d un investimento subito dalla donna e non ad un incidente avuto mentre era all'interno dell'abitacolo.

Testimoni raccontano che in San Michele, i due furono visti fermarsi con l’auto di Claude in centro. Lì Erica incontrò, per caso, anche la madre. Uscita da una birreria, lei si mise alla guida, ma qualcosa deve essere accaduto pochi minuti dopo, perché Erica non sarebbe piu stata la conducente della Bmw. Particolari che dovranno essere messi insieme dalla Procura, in attesa della verità sulla morte della donna, gestore di un locale pubblico e consigliere comunale a Monasterolo Casotto.

Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
San Michele Mondoví morte Erica Beccaria
Articolo scritto da:
g.sca.
SOCIAL
IL FONDO
“Scuole, emergenza Alberghiero, nuovo plesso scolastico”. Tutto è partito dalla riunione di lunedì mattina in Regione (pr...
VIDEOGALLERY
Nessuna videogallery inserita.