Cerca
Fossanese
2018-02-22
condividi
Bene Vagienna: altri 800.000 euro per ampliare

e valorizzare l’area archeologica

Nuovo finanziamento dopo quello ottenuto nell’ottobre 2016 per il progetto TRA[ce]S

Il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo ha destinato un cospicuo finanziamento, 800.000 euro, per la conservazione e la valorizzazione dell’area forense e l’ampliamento del percorso di visita dell’area archeologica di Augusta Bagiennorum. Ad annunciarlo è l’amministrazione comunale di Bene Vagienna che già nell’ottobre del 2016 aveva ottenuto contributi europei per nuovi scavi nel sito e per realizzare una copertura sul basamento del “Capitolium”, il più importante tempio presente in frazione Roncaglia.

«Questo finanziamento - afferma l’assessore comunale Damiano Beccaria - premia l’impegno della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le Province di Alessandria Asti e Cuneo nella costante attività di tutela, conservazione e promozione del sito e va in continuità con altre attività promosse grazie alla proficua collaborazione con la Soprintendenza oltre che con gli altri Enti ed istituzioni del territorio che hanno già permesso in passato di rinnovare il Mab (Museo Archeologico Bene Vagienna) e soprattutto di ottenere il finanziamento per il progetto TRA[ce]S. TRA[ce]S (Trasmettere Ricerca Archeologica nelle Alpi del Sud) è un progetto transfrontaliero che interessa una vasta area, in parte in Provincia di Cuneo e in parte nel Dipartimento Alpes de Haute-Provence, collegata dal Colle della Maddalena.

Le attività di ricerca e valorizzazione, totalmente finanziate con il Programma Alcotra V A 2014-2020 Francia-Italia, per un importo di 2.380.000 euro, si svilupperanno nei prossimi tre anni e si prefiggono di mettere in rete i più significativi siti archeologici, a partire dalla Preistoria fino al Medio Evo, presenti in questa vasta zona, con l’obiettivo di garantirne una valorizzazione turistica consapevole e sostenibile. Tale progetto prevede la realizzazione di un itinerario integrato sul territorio e per Bene Vagienna, nello specifico, la realizzazione di interventi di conservazione e valorizzazione del Capitolium e, soprattutto, la sospirata ripartenza della campagna di scavi nell’area forense.

In collaborazione con l’Unione del Fossanese, le Città di Cuneo, Fossano e Cherasco, sono stati poi ottenuti altri fondi dalla Compagnia di San Paolo tramite il progetto di valorizzazione “raccontare un Territorio” che prevede la realizzazione di nuovi itinerari archeologici e naturalistici. Con il finanziamento ottenuto di 89.000 euro verrà ampliata l’area di scavi e realizzato un punto di visita multimediale che verrà inserito nella cappella di San Pietro attualmente in fase di ristrutturazione. La ristrutturazione della Cappella è stata finanziata per 100.000 euro dalla Compagnia di San Paolo e per 32.000 euro dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Torino.

In passato grazie a “Terre dei Savoia” ed al finanziamento di 40.000 euro della Compagnia di San Paolo è stato possibile realizzare“un giardino della casa romana” (the ornamental kitchen garden) all’interno della corte della cascina Ellena ispirato ai “giardini” dell’antica tradizione romana con valenza di tipo utilitaristico. L’orto è posizionato all’interno di Cascina Ellena, che ora ospita anche il Ristorante “Marsam”, ed offre un luogo di riposo e ristoro all’interno dell’aera. Grazie ai fondi europei, ai finanziamenti della Regione Piemonte, della Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, Compagna di San Paolo e Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo che hanno contributo generosamente a finanziare gli interventi passati siamo riusciti a investire notevolmente sull’area.  Ma Augusta Bagiennorum è ancora là sotto terra!

Questo finanziamento ministeriale costituisce dunque un importante e ulteriore passo, che insieme a quanto già fatto, contribuisce ad ampliare l’area archeologica e promuovere la conoscenza della nostra città inserendola in un virtuoso sistema di valorizzazione costituito da una rete capillare di punti di interesse ben integrata sul nostro territorio. Ringrazio la Soprintendente dott.ssa Egle Micheletto e i tutti i funzionari, che, con grande passione e dedizione, hanno creduto nell’iniziativa e hanno raggiunto questo importantissimo obiettivo! Grazie a questi investimenti intendiamo valorizzare sempre di più l’area archeologica aumentando ulteriormente i flussi turistici e generando una ricaduta economica positiva sul territorio».

Articolo scritto da:
f.trax
SOCIAL
IL FONDO
Quattro bandiere della Nord Corea e ugual numero con stelle e strisce sullo sfondo, due capi di stato in primo piano: uno con i caratteri orientali...