Cerca
Fossanese
2018-02-23
condividi
Il consigliere comunale di Bene Vagienna Danilo Perano
Una Pro Loco a Bene Vagienna?

L’amministrazione ci prova

Organizzato un incontro lunedì 26 alle 21 a Palazzo Lucerna di Rorà

“Ti piacerebbe fare parte di una associazione che organizza e aiuta a sviluppare il proprio territorio? Saresti disposto a metterti in prima linea durante le manifestazioni ed aiutare il prossimo? Ti piacerebbe anche solo dare il tuo appoggio morale ad una Pro loco di paese?” Così inizia l’evento creato su Facebook dall’amministrazione comunale di Bene Vagienna che ha organizzato per lunedì 26 alle 21 a Palazzo Lucerna di Rorà (non nella sala del palazzetto dello sport come precedentemente indicato ndr) un incontro per parlare della costituzione di una Pro Loco. “L’amministrazione comunale in collaborazione con le associazioni di paese - si può leggere nel testo - vorrebbe aiutare a creare una Pro Loco di paese, utile ad organizzare manifestazioni ed a aiutare quelle già esistenti. Sarebbe bello riuscire a creare un gruppo molto affiatato e soprattutto formato sia da giovani che da meno giovani! Vi aspettiamo lunedì 26 per spiegarvi tutto e per discuterne assieme, e alla fine ci sarà la possibilità di dare la propria adesione!”. Da anni, se escludiamo quella messa in piedi dai frazionisti del Podio, manca a Bene Vagienna una Pro Loco capace di collaborare con le varie realtà presenti sul territorio nell’organizzazione di eventi. Ne sono convinti gli amministratori benesi che hanno già incontrato alcuni membri delle varie associazioni per spiegare loro l’importanza di creare un nuovo soggetto. «Abbiamo spiegato loro - commenta il consigliere comunale Danilo Perano - che una Pro Loco non viene creata per creare problemi ma per risolverli e ottenere agevolazioni dal punto di vista economico e burocratico. Lo scopo, infatti, è quello di aiutarli a organizzare manifestazioni in un periodo, quello successivo all’introduzione delle nuove misure di sicurezza introdotte dopo gli episodi di Piazza San Carlo a Torino, in cui è sempre più difficile farlo. Tutto questo, però, si realizza solo se riusciremo a coinvolgere i giovani: nelle associazioni, infatti, c’è un forte bisogno di forze fresche».

Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
Articolo scritto da:
f.trax
SOCIAL