Cerca
2018-06-07
condividi
Finisce in tribunale la battaglia legale

tra Comune di Roccaforte e Artesina spa

Sotto accusa i rappresentanti della società per la mancata riapertura delle seggiovie Rastello - Turra

Primi testi in tribunale a Cuneo nel processo sulla vicenda delle seggiovie Rastello-Borello e Borello-Turra. I legali rappresentati della Artesina S.p.A. A.C. e P.P. sono accusati per inadempimento di contratti di pubbliche forniture. Come ha spiegato il brigadiere della stazione dei carabinieri di Villanova Mondovì, nel 2007 il sindaco di Roccaforte Mondovì presentò querela “per la cattiva gestione degli impianti in località Rastello”. Nel 2005 era stata siglata una convenzione fra il Comune e Artesina S.p.A. per la conduzione di quest’ultima degli impianti per la durata di 40 anni. Il tratto di seggiovia che collegava Rastello fino a Turra rimase fu chiuso nel 2016 a causa di costi di “gestione troppo alti”. Il tribunale, dopo un esposto del Comune, ordinò la riapertura. Il punto preso in esame nel procedimento è la presunta inadempienza di un pubblico servizio perché, secondo la tesi accusatoria, le seggiovie sarebbero state necessarie per il collegamento di due parti di territorio che altrimenti sarebbero rimaste difficilmente accessibili. Lungo la seggiovia sarebbero presenti locali di ristorazione e alcune baite. Il capitano della Guardia di Finanza che ha testimoniato ha detto di essersi basata soltanto sulla denuncia del sindaco. Il brigadiere ha riferito che un bar e ristorante sono comunque raggiungibili dalla strada che va a Roccaforte, mentre c’è un bar che si trova fra le due seggiovie, a monte delle quali non risultano alcune baite. L’udienza è stata rinviata il 15 giugno per la testimonianza del sindaco di Roccaforte.

 

Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
Articolo scritto da:
M. Br.
SOCIAL
IL FONDO
Ora che il “Black Friday” è passato ed archiviato ne possiamo scrivere senza tema di essere indicati come “quelli che...&r...