Cerca
Alto Tanaro
2018-07-22
condividi
Nella foto, i soccorsi impegnati nella notte in Val Corsaglia
AGGIORNAMENTI IN CORSO - Coperte termiche contro ipotermia
Speleologo di Garessio cade nella Grotta della Mottera: Gianluca Ghiglia raggiunto dai soccorritori arrivati da cinque regioni
Soccorso Alpino mobilitato con 80 tecnici: l'uomo ha riportato lesioni, ma non è in pericolo di vita
FRABOSA SOPRANA - Da oltre dieci ore o roseguono le operazioni per il recupero di Gianluca Ghiglia, di Garessio, speleologo esperto caduto sabato intorno alle ore 18 all’interno della Grotta della Mottera, in alta Val Corsaglia, Comune di Frabosa Soprana. 
 L’uomo era impegnato con lo "Speleoclub Tanaro" nella traversata dal Buco Fantozzi alla Colla degli Stanti, un percorso particolarmente apprezzato dagli speleologi, quando è precipitato riportando lesioni multiple che gli impedivano di uscire autonomamente. I suoi compagni di escursione sono tutti tornati in superficie. 
Intorno alle ore 21 è partita la richiesta di soccorso presso la Delegazione speleologica del Soccorso Alpino e Speleologico Piemonte (CNSAS) che ha avviato l’operazione. Già nella serata le prime squadre hanno raggiunto l’imbocco della grotta lungo un terreno impervio caratterizzato da un sentiero attrezzato e hanno iniziato l’avvicinamento ipogeo verso il ferito. Nel frattempo sono state mobilitate altre squadre dalle delegazioni di Liguria, Emilia Romagna, Marche, Lombardia e Toscana che in mattinata hanno raggiunto l’imbocco e hanno iniziato a operare. A Ghiglia sono state fatte arrivare coperte termiche: la temperatura in grotta è intorno ai sei gradi. 
 
Il ferito è stato raggiunto dalle prime squadre composte anche da personale sanitario che ne hanno valutato l’entità dell’infortunio, lo hanno stabilizzato e lo hanno caricato sulla barella specifica per il soccorso speleologico. Nel frattempo è stato installato un cavo telefonico che consente le comunicazioni con il personale medico all’esterno per monitorare costantemente lo stato di salute dell’infortunato. Le altre squadre sono disposte lungo l’intera lunghezza della grotta, impegnate ad attrezzare carrucole e teleferiche per il recupero della barella. Complessivamente sono in azione 80 tecnici di soccorso speleologico del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico. Difficile stabilire l’ora di conclusione delle operazioni di recupero.
Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
Speleologo Soccorso Alpino Frabosa Grotta Mottera
SOCIAL
IL FONDO
Confesso. Ho atteso prima di scrivere questo commento, perchè nell’immediatezza dei fatti della scorsa settimana temevo di non essere ...