Cerca
Mondovì
2018-10-16
condividi
Mondovì: «La bellezza non è una taglia 38:

ragazzi, ribellatevi a chi vi critica»

Il video di Viviana, liceale monregalese, spopola sui social e riceve il plauso del preside

MONDOVI’- «E’normale avere fame, è normale mangiare. Siete belli come siete e non permettete a nessuno di prendervi in giro. Troppe donne sono complessati per l’idea di bellezza fatta di 38 di taglia e quarta di reggiseno e un culo perfetto». E ancora: «Sono seguita solo 2000 persone, non sono un personaggio pubblico, ma il body shaming vada a farsi benedire. E tutto questo è rivolto anche ai ragazzi». Il video di Viviana Pezza, studentessa monregalese, spopola su Instagram. Frequenta il Liceo Linguistico ed è al quarto anno. Inquadrata nella sua stanza, ha registrato il video che condanna la nuova frontiera del bullismo che spopola sul web, dove ci si diverte a denigrare pesantemente le forme fisiche degli altri. Punta il dito contro la moda del corpo perfetto per piacere mandando a benedire il piacere della cultura legata alla persona, al modo di essere. «Troppe donne – dice - si ammalano, soffrono di bulimia e anoressia a causa di chi pensa che una ragazza sia bella solo se filiforme, alta un metro e 80. Non è così».

Il messaggio ha “bucato” sui social ed è stato anche ripreso da Bruno Gabetti (su Facebook), preside del Liceo monregalese. Ecco il suo commento: «Quando gli studenti collaborano con i docenti per la cittadinanza attiva e l'educazione alla salute, è un bellissimo segnale! Ottimo l'esempio della nostra Viviana, 4°E Linguistico/Esabac che, con queste riflessioni sulla "bellezza" femminile postate (spontaneamente!) sui social, vuole mandare un messaggio positivo ai ragazzi, dimostrando una notevole maturità e un grande senso dell'impegno civico e sociale. Bravissima».

Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
Mondovì Viviana body shaming
SOCIAL
IL FONDO
  Il colpevole è l’abusivismo edilizio. Ora è tutto un coro, tutti si sono accorti che decine di case sono costrui...