Cerca
2018-11-08
condividi
Mondovì: appello al sindaco Adriano

per salvare Vicolo del Teatro e la sua Madonnina

Iniziativa della onlus “Col. Giuseppe Cordero Lanza di Montezemolo”

MONDOVÌ - «Sindaco, intervenga per salvare l’icona mariana del centro storico». Lo chiede la onlus “Col. Giuseppe Cordero Lanza di Montezemolo”, con la richiesta da parte del promotore, Romolo Garavagno, a Paolo Adriano al primo cittadino di Mondovì. «La preghiamo – scrive Garavagno al sindaco – di  voler verificare la possibilità di un recupero urbanistico dell’intero Vicolo del Teatro, salvando dal degrado il pozzo, probabilmente l’ultimo funzionale nella città. L’angolo potrebbe diventare motivo di attrazione turistica, situato come è nelle vicinanze di piazza san Pietro».

Nel 2010 l’associazione “Amici di Piazza” si era interessata al restauro della tavola con dipinto sacro della Madonna di Mondovì, patrona  del Santuario diocesano a Vicoforte. È l’icona che, nel secolo scorso, il console del Regno d’Italia negli USA, il monregalese Luigi Melano Rossi, già aveva provveduto a recuperare dal degrado, unitamente al nipote Ercole, maniscalco, che operava  nello stesso cortile di Vicolo Teatro. Il diplomatico aveva voluto inserire  la tavola in una edicola , sulla facciata di un caseggiato ove aveva vissuto. 

Ceramisti monregalesi avevano concorso a donare le ghirlande di rose in porcellana. L’operazione di nuovo restauro era stata effettuata dalla restauratrice Costamagna ed era stata sostenuta dalla Cassa Rurale ed Artigiana di Pianfei e Rocca de’ Baldi, oltre che da numerosi privati. Le rose frantumate per le intemperie ed il tempo, furono rimodellate dallo Studio “I color del Sole” di Rossana Callea, operante all’epoca in Mondovì Piazza. A sollecitare l’iniziativa era stato un socio degli “Amici”, Elio Sartorio, amico stretto di Mario Rossi.

Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
SOCIAL
IL FONDO
  Il colpevole è l’abusivismo edilizio. Ora è tutto un coro, tutti si sono accorti che decine di case sono costrui...