Cerca
Il fondo
2019-03-03
condividi
Carlevè, roba seria

Il Carnevale è divertimento ed è una roba seria. La conferma arriva anche quest’anno riflettendo sulle novità che l’organizzazione della “Famija”,  in accordo con il Comune, ha voluto introdurre: portare il pubblico anche nel centro storico, oltre che lungo il percorso delle sfilate. Gli oltre 10 mila spettatori, domenica, al primo grande appuntamento, lo hanno fatto. I negozi aperti erano pochi e lo street food ha funzionato. Il sacrosanto diritto, da parte degli esercenti, di riposare ed anche di non morire di crepacuore ogni volta che una maschera con troppo alcol in corpo si avvicina alla vetrina, “cozza”con il proposito degli organizzatori. Come se ne esce? Con il buonsenso, come sempre. Con un retropensiero: è probabile che gli “alticci”al Carlevè ci siano sempre stati e solo l’ingannevole senso dell’“era più bello una volta”sia legato più che altro al fatto che si era più giovani. Oggi norme di sicurezza e limiti impongono un Carnevale così e, mi pare, sia già “tanta roba”, anzi roba seria.

Articolo scritto da:
g. sca.
SOCIAL
IL FONDO
L’Election Day si avvicina (26 maggio), ma nessuno dei candidati parla di un argomento vitale. Come aiutare i piccoli e medio-grandi Comuni a...