MENU

Coronavirus: che cosa possiamo
e non possiamo fare

 I “chiarimenti applicativi” pubblicati da Protezione Civile e Regione

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Coronavirus: che cosa possiamo e non possiamo fare

L'Unità di Crisi della Protezione Civile regionale ha pubblicato i “chiarimenti applicativi" in merito all'Ordinanza n. 1 del Ministero della Salute sulle misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-19

Il documento si è reso necessario per fare chiarezza su alcune questioni poste dalle Autorità sanitarie locali.

In particolare:

§     con riferimento alla sospensione di manifestazioni iniziative o eventi che determinino la concentrazione di persone in luoghi pubblici o privati , aperti o chiusi al pubblico, sono da ritenere sospese tutte le iniziative che comportando l'afflusso di pubblico , possano determinare un rischio sanitario. Vanno quindi comprese fra le attività da sospendere: manifestazioni, fiere, sagre , attrazioni, lunapark, concerti, eventi sportivi di ogni disciplina e categoria che prevedano la presenza di pubblico, oltre che rappresentazioni teatrali, cinematografiche, musicali, comprese discoteche, sale da ballo, locali di intrattenimento.

§     In via generale, non sono sospese le attività che riguardano l'ordinario svolgimento della pratica di corsi sportivi ed amatoriali, ad esempio allenamenti sportivi, escludendo l'utilizzo di spogliatoi e docce ( salvo l'utilizzo dei servizi igienici)

§     non sono sospesi i centri linguistici privati, i centri musicali non rientranti nella lettera b) e privi dell'afflusso di pubblico e le scuole guida

§     non sono sospese tutte le attività economiche , agricole , produttive, sanitrarie e socio sanitarie, commerciali e di servizio , compresi i pubblici esercizi, le mense, i dormitori di pubblica utilità , i mercati

§     non sono sospese le celebrazioni di matrimoni ed esequie civili e religiose a condizione di permettere la partecipazione ai soli familiari. Per le esequie civili e religiose si consigliano funzioni all'aperto.

La nota esplicativa potrà comunque essere rivista alla luce di ulteriori esigenze. Inoltre resta ferma la facoltà delle autorità sanitarie locali ( sindaci) di intervenire con proprie ordinanze qualora ne ravvisino la necessità. 

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl