MENU

Coronavirus in Piemonte: casi positivi scendono da tre a uno - Cirio: «Chiederemo di tornare ad una graduale normalità»

Il punto della Regione sull’epidemia

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Coronavirus in Piemonte: casi positivi scendono da tre a uno - Cirio: «Chiederemo di tornare ad una graduale normalità»

I risultati definitivi dell’Istituto superiore di sanità sui tre casi di positività individuati in Piemonte dall’inizio dell’emergenza hanno confermato la positività solo per il caso del paziente torinese, ricoverato presso l’Amedeo di Savoia, mentre sono stati dichiarati negativi i due coniugi di Cumiana.

Lo ha dichiarato l’assessore regionale alla Sanità Luigi Icardi, facendo il punto sulla situazione della malattia in Piemonte. Il professore Francesco De Rosa, primario della Struttura complessa di Malattie infettive della Città della salute e dell’ospedale di Asti, ha spiegato che il risultato fa parte di una procedura complessa che vede il laboratorio di alto biocontenimento dell’Istituto Superiore di Sanità come l’unico in grado a livello nazionale di dare la definitiva conferma delle analisi.

L’assessore ha poi precisato come, in attesa della validazione, non si poteva non assumere tutti i provvedimenti previsti per il contenimento del virus e come questa ora sia un’ottima notizia. ll test di secondo livello che ha rivelato la falsa positività per la coppia di Cumiana è stato eseguito dall'istituto Superiore di Sanità, come prevede la procedura che viene seguita in tutti i casi sospetti.  "È davvero una buona notizia - rimarca l'assessore Icardi -. Naturalmente abbiamo fatto tutte le indagini epidemiologiche, ma questo risultato significa che possiamo liberare dalla quarantena molte persone". 

Il governatore Cirio: «Chiederemo un graduale ritorno alla normalità»

Per il governatore Alberto Cirio “ci sono finalmente le condizioni per chiedere al Governo un graduale ritorno alla normalità”. Anche in piazza Castello si sta valutando l’ipotesi di allentare per la prossima settimana le restrizioni cui sono stati sottoposti i cittadini in questi giorni.

Il presidente della Regione si muove con estrema cautela e vuole condividere ogni scelta con i rappresentanti delle amministrazioni locali, per questo oggi (gioevedì), alle 18, incontrerà i presidenti delle province, i prefetti e i sindaci dei Comuni capoluogo per decidere insieme il da farsi.

DONAZIONE DELLA COMUNITA’ CINESE

Icardi ha inoltre voluto ringraziare la comunità cinese, che ha donato all’Unità di crisi una cospicua fornitura di dispositivi di protezione individuale.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl