MENU

Il nuovo decreto che regola la vita degli italiani al tempo del coronavirus

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Il nuovo decreto che regola la vita degli italiani al tempo del coronavirus

È stato chiamato “Lockdown Italia” ed è stato approvato dal consiglio dei ministri, intorno alle 18, martedì, il decreto legge, a firma del Presidente della Repubblica, emanato dal Governo per le “Misure urgenti per evitare la diffusione del COVID-19”. Sarà modificabile fino al 31 luglio e prorogabili di mese in mese. Vediamo nel dettaglio le novità.

ATTIVITA’ COMMERCIALI

Chiuse le attività commerciali e sono escluse dal divieto le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità sia nell’ambito di esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media e grande distribuzione ancorché ricompresi nei centri commerciali. Sono confermate le consegne a domicilio per tutti i settori merceologici purché nel rispetto dell’osservanza delle norme igienico-sanitarie.

MERCATI SETTIMANALI

I mercati settimanali saranno consentiti esclusivamente garantendo specifiche modalità di accesso scaglionato per evitare assembramenti anche attraverso l’utilizzo di transenne e comunque sempre alla presenza della Polizia Locale (In alcuni Comuni, come Mondovì, carrù, ceva ed altre i sindaci hanno già deciso di sospenderli). In ogni caso i mercati consentiti sono esclusivamente quelli di generi alimentari.

RILEVAZIONE DELLA TEMPERATURA CORPOREA

Si raccomanda di provvedere alla rilevazione sistematica della temperatura corporea anche ai clienti presso i supermercati e le farmacie, oltre che ai dipendenti dei luoghi di lavoro, se aperti, e a tutti coloro che vengono intercettati dall’azione di verifica del rispetto dei divieti dalle Forze dell’Ordine e dalla Polizia Locale. A seguito del rilievo di temperatura corporea uguale o superiore a 37,5°C è previsto il divieto assoluto di mobilità dal proprio domicilio o residenza per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena ovvero risultati positivi al virus. Non esiste obbligo di rilevazione della temperatura corporea. La raccomandazione ad eseguire tale operazione è di natura precauzionale.

Avvenuto il rilievo, qualora la persona ad esso sottoposta abbia una temperatura uguale o superiorea 37,5° C, il titolare dell’esercizio è tenuto alla segnalazione alle competenti Autorità Sanitarie

CHIUSI I BAR E I RISTORANTI

Sospensione delle attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie). Sono consentiti i servizi di mensa e del catering continuativo su base contrattuale, i servizi resi nell’ambito di strutture pubbliche e private, istituti penitenziali, strutture sanitarie e sociosanitarie e di sostegno alle fasce fragili della popolazione. Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio, compresi gli agriturismi.

STUDI PROFESSIONALI

Chiusura degli studi professionali, salvo l’utilizzo del lavoro agile, con esclusione dello svolgimento delle attività indifferibili ed urgenti o sottoposte a termini perentori di scadenza ivi effettuate. Sono esclusi dalla presente chiusura tutti gli studi medici e/o sanitari e di psicologia.

I titolari, i collaboratori e i dipendenti in smart-working potranno recarsi negli studi professionali e trattenersi per il solo tempo necessario per il ritiro e la consegna dei documenti. I professionisti non possono incontrare i propri clienti presso gli studi se non nel caso di assoluta necessità, e devono privilegiare la consulenza mediante strumenti di comunicazione a distanza. Il professionista può recarsi presso gli uffici postali al fine dell’invio e/o ritiro della corrispondenza.

DIVIETO DI ACCESSO AI PARCHI

Divieto di accesso a parchi, ville, aree gioco e giardini pubblici. Divieto di svolgere all’aperto attività ludica o ricreativa, nonché qualsivoglia attività motoria svolte, anche singolarmente se non nei pressi delle proprie abitazioni.

PASSEGGIATE CON GLI ANIMALI

Nel caso di uscita con l’animale di compagnia per le sue necessità fisiologiche, la persona è obbligata a rimanere nelle immediate vicinanze della residenza o domicilio, con l’obbligo di documentazione agli organidi controllo del luogo di residenza o domicilio. È fatto divieto di accedere alle aree verdi per animali domestici.

CHIUSE LE PALESTRE

Chiusura di palestre, centri sportivi, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, centri culturali, centri sociali e centri ricreativi”. Resta concessa, per i gestori, la possibilità di effettuare le attività di manutenzione ordinaria indifferibili ed indispensabili per garantire la funzionalità minima dell’impianto (a mero titolo esemplificativo: manutenzione del manto erboso, etc.)

AGENZIE DI PRATICHE AUTO

Le agenzie che si occupano di pratiche automobilistiche garantiscono l’apertura al fine di espletare le pratiche di immatricolazione dei mezzi per il trasporto di prodotti medici, o comunque legati al settore della sanità.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl