MENU

«Chiediamo i tamponi nelle nostre tre case di riposo: situazione non più tollerabile»

Appello del presidente dell’Unione Montana del Monte Regale a ministro, Regione e AslCn1

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
«Chiediamo i tamponi nelle nostre tre case di riposo: situazione non più tollerabile»

VICOFORTE – Sono consapevole della grave e difficile situazione nella quale tutte le istituzioni ed il sistema sanitario è costretto in questo periodo ad operare, faccio, però, un appello urgente;: quanto prima si facciano i tamponi nelle case di riposo del nostro territorio: nei tre Comuni della nostra Unione ci sono circa 200 anziani e circa 100 operatori in un territorio che conta una popolazione di circa 6.600 abitanti». È l’appello che Valter Roattino, presidente dell’Unione Montana del Monte Regale ha rivolto, con una lettera ufficiale ai responsabile della sanità nazionale e locale, dal ministro Speranza fino alla Regione e all’AslCn1. L’Unione raggruppa cinque Comuni: Briaglia, Monasterolo Casotto, Niella Tanaro, San Michele Mondovì e Vicoforte. Negli ultimi tre sono presenti case di riposo. «Alla data odierna (9 aprile) – scrive il sindaco – siamo ancora in attesa che gli ospiti e gli operatori vengano sottoposti ad esame dei tamponi onde salvaguardare la salute di tutti. Riteniamo tale situazione non più tollerabile ed occorre prevenire e scongiurare il manifestarsi del Covid-19 positivo che potrebbe diffondersi in modo incontrollabile all’interno delle strutture, causando il trasferimento degli anziani negli ospedali del territorio già al collasso».

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl