MENU

Istat coronavirus, ufficiale: +41% morti a marzo rispetto al 2019, stima su 5mila Comuni

A Mondovì: primo trimestre con 7 decessi in più - Villanova passa da 16 a 31,

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Istat coronavirus, ufficiale: +41% morti a marzo rispetto al 2019, stima su 5mila Comuni

In blu la curva del 2019, in rosso il 2020

"Dalle elaborazioni emerge un evidente 'eccesso' di mortalità". Così il direttore del dipartimento per la produzione statistica dell'Istat, Roberto Monducci, in audizione sul Def. "Da un primo esame che ha riguardato 5.069 Comuni" risulta che "il totale dei decessi tra il primo marzo e il 4 di aprile del 2020 è stato, nel complesso, superiore del 41% rispetto a quanto osservato per lo stesso periodo del 2019 (62.667, quando erano 44.583 nel 2019)".

"Dal confronto tra i morti dell'intervallo 1 marzo - 4 aprile del 2020 e del 2019 nei 5.069 Comuni selezionati si rileva una crescita del 44% del numero di casi tra gli ultra65enni, a fronte dell'11% per il complesso delle restanti età, con un divario che penalizza pesantemente la componente maschile: +56% tra gli uomini con almeno 65 anni e 34% tra le donne nella stessa fascia d'età".

Le province più colpite dall'epidemia hanno pagato un prezzo altissimo in vite umane, con incrementi percentuali dei decessi nel mese di marzo 2020, rispetto al marzo 2015-2019, a tre cifre: Bergamo (568%), Cremona (391%), Lodi (371%), Brescia (291%), Piacenza (264%), Parma (208%), Lecco (174%), Pavia (133%), Mantova (122%), Pesaro e Urbino (120%). Nelle aree a media diffusione dell'epidemia (1.778 comuni, 35 province prevalentemente del Centro-Nord) l'incremento dei decessi per il complesso delle cause nel periodo 20 febbraio-31 marzo è molto più contenuto, da 17.317 a 19.743 (2.426 in più rispetto alla media 2015-2019); il 47% è attribuibile ai morti risultati positivi al Covid-19 (1.151). Infine, nelle aree a bassa diffusione (1.817 comuni, 34 province per lo più del Centro e del Mezzogiorno) i decessi del mese di marzo 2020 sono mediamente inferiori dell'1,8% alla media del quinquennio precedente.

A Mondovì l’analisi dei decessi tra il 5 gennaio ed il 4 aprile del 2019 confrontati con lo stesso periodo del 2020 dice che i morti sono stati 70 l’anno scorso e 77 quest’anno.

Villanova Mondovì passa da 16 a 31, Roccaforte da 13 a 16, Garessio da 10 a 32, Ceva stesso numero (22).

 

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl