MENU

Anticipo cassa integrazione: dipendenti possono chiedere l’erogazione dell’assegno prima di riceverlo dall’Inps

Poche domande alle banche monregalesi

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Anticipo cassa integrazione: dipendenti possono chiedere l’erogazione dell’assegno prima di riceverlo dall’Inps

MONDOVI’ – Per fare avere velocemente ai lavoratori cuneesi finiti in cassa integrazione i soldi che spettano loro, l’Abi (Associazione bancaria italiana), ha definito un protocollo attraverso cui gli stessi lavoratori possono chiedere in banca l’anticipo della cassa (richiesta dalle aziende all’Inps). Ogni dipendente può scaricare dai siti web delle banche i moduli con i quali chiedere uno speciale prestito di massimo 1.400 euro (pari a 9 settimane a zero ore), da restituire quando l’Inps liquiderà le somme dovute.

Intesa San Paolo per ora è l’unico istituto ad aver sottoscritto un ulteriore accordo con Finpiemonte e sindacati grazie al quale, anche chi non è cliente, potrà fare domanda perché le spese di gestione e apertura del nuovo conto corrente saranno coperte dalla finanziaria regionale. In questo modo, finora Intesa San Paolo ha erogato in Piemonte un migliaio di anticipi. Per i sindacati, è questo il sistema che sta funzionando meglio e auspicano che altre lo applichino (la prossima dovrebbe essere Banca Sella). «Noi di fatto bypassiamo l’accordo regionale, liquidando l’anticipo della cassa integrazione in deroga senza attendere l’autorizzazione della Regione – dicono (...)

SLL'EDIZIONE DI MERCOLEDì 13 MAGGIO 2020

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl