MENU

Cuneo: protesta di Lega e Fratelli d’Italia, in piazza contro il “Riparti Italia”

Alle manifestazioni anche i rappresentanti monregalesi e cebani

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Cuneo: protesta di Lega e Fratelli d’Italia, in piazza contro il “Riparti Italia”

CUNEO – Due manifestazione entrambe a Cuneo, ma in piazze diverse. Il centro destra è sceso in strada, in centro città del capoluogo provinciale, nei pressi del municipio. Contro il maxidecreto “Riparti Italia”. Martedì mattina i leghisti si sono ritrovati in piazza Audifreddi alle 10, i Fratelli d’Italia in piazza Torino alle 11,30.

Presenti i rappresentanti del territorio. Il senatore leghista Giorgio Bergesio: “Oggi abbiamo detto basta. Il Governo ci deve ascoltare. Cuneo, il Piemonte, l’Italia meritano di più. Siamo qui in piazza per la democrazia”. A seguire gli interventi del deputato Flavio Gastaldi, dei consiglieri regionali Matteo Gagliasso, Paolo Demarchi e di numerosi sindaci.

“Anche la sezione di Ceva si è mossa per questo evento che è il primo dopo il lockdown e coinvolge 100 piazze - commenta il segretario Lega di Ceva e Val Tanaro, Giorgio Bove -. Una protesta civile verso un Governo che non fornisce risposte concrete e rapide ai cittadini che hanno bisogno in questo momento duro di certezze e non di parole. Ed è anche un’occasione per ricordare tutte le vittime del virus e di solidarietà alle loro famiglie”.

Poco distante la piazza di Fratelli d’Italia, con il consigliere regionale Paolo Bongioanni, il coordinatore provinciale di Fratelli d'Italia  William Casoni, la parlamentare Monica Ciaburro ed il monregalese Rocco Pulitanò.

“Come Regione - ha spiegato Bongioanni- abbiamo cercato di essere concreti immettendo nel sistema aziendale denaro liquido con contributo a fondo perduto con il bonus Piemonte a differenza del Governo che, dando garanzie, non ha fatto altro che creare altro debito. Come Regione abbiamo finanziato 80.000 aziende e con altre fasi per uscire dalla crisi integreremo chi è rimasto fuori”. Fabio Mottinelli, segretario Fratelli d’Italia di Ceva e Val Tanaro: “Siamo qui per dare voce a tutti gli italiani che stanno pagando le conseguenze della crisi economica post coronavirus e che dal Governo non ricevono risposte concrete”.

Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio sulla manifestazione del Centrodestra di oggi: “Giusta e opportuna l’iniziativa del Centrodestra oggi in tutte le piazze d’Italia per dare voce ai tanti italiani che soffrono e che chiedono al Governo e all’Europa misure vere, immediate e concrete per far ripartire l’Italia. Sono tre mesi che migliaia di piemontesi aspettano il pagamento della cassa in deroga e, ad oggi, l’Inps ha pagato solo 24.334 lavoratori a fronte di 90.624 pratiche trasmesse dalla Regione. Basterebbe questo semplice motivo per scendere in piazza. Domani stesso sentirò nuovamente e personalmente gli uffici regionali dell’Inps e non escludo anche azioni ufficiali, coinvolgendo i governatori delle altre Regioni, perché questa situazione non è più accettabile”.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl