MENU

Regione Piemonte: "La rilevazione della febbre deve essere fatta a scuola"

E stanzia 500 mila euro per l’acquisto dei termoscanner

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Regione Piemonte: "La rilevazione della febbre deve essere fatta a scuola"

Incontro in Regione per affrontare le criticità legate alla ripartenza dell’anno scolastico. il presidente della Regione Alberto Cirio e l’assessore all’Istruzione Elena Chiorino hanno ribadito all’Ufficio scolastico regionale la richiesta che la misurazione della temperatura sia effettuata a scuola, trattandosi di un elemento  di prevenzione troppo delicato e importante, che non può essere lasciato alla sensibilità delle singole famiglie. L’Usr farà una indagine interna per verificare questa possibilità. Il Presidente e l’Assessore hanno inoltre comunicato che la Regione stanzierà, già nelle prossime ore, 500 mila euro per l’acquisto di termoscanner da distribuire direttamente a tutte le 542 Autonomie scolastiche piemontesi a cui fanno capo 3200 plessi.

In ogni caso, dal momento che il Governo non ha previsto nessuna forma di verifica che la temperatura venga effettivamente misurata a casa, la Regione sta valutando di introdurre dei meccanismi di controllo con una apposita ordinanza per sollecitare l’attenzione sul tema da parte delle famiglie.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl