MENU

Ceva, il sindaco Bezzone replica ai gestori del teatro Marenco: «Atteggiamento infantile, a metà mese ho scritto alla Compagnia: con la pandemia impossibile progettare»

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Ceva, il sindaco Bezzone replica ai gestori del teatro Marenco: «Atteggiamento infantile, a metà mese ho scritto alla Compagnia: con la pandemia impossibile progettare»

Vincenzo Bezzone, sindaco di Ceva

Il sindaco Enzo Bezzone replica ai responsabili della gestione del teatro Marenco, al centro di una polemica dopo l’intervento della Compagnia pubblicata venerdì su queste colonne. I gestori attribuiscono all’amministrazione comunale indifferenza e “lontananza”, annunciando la possibilità di non continuare il rapporto e l’impegno nei confronti della storica realtà culturale cebana.

Di seguito la nota del primi cittadino: «Questa amministrazione ha sempre dato la dovuta importanza alla cultura teatrale. A prova di ciò, lo scorso anno é stata siglata una convenzione, in cui il Comune di Ceva riconosceva all’associazione “Compagnia Teatro Marenco” un contributo di 26.000 euro, anziché i soliti 23.000 previsti dalle convenzioni precedenti, per la gestione e la programmazione teatrale. L’importo è stato totalmente versato nelle casse dell’associazione, nonostante l’offerta artistica sia stata monca, a causa dell’emergenza Covid. La Compagnia Teatro Marenco ha potuto agire nella massima autonomia, senza alcuna ingerenza dell’Amministrazione Comunale, nel totale rispetto dei ruoli e nella piena fiducia che era stata riposta. Ci delude enormemente constatare che dinamiche personali, posizioni arbitrarie e capricci infantili, abbiano avuto la meglio all’interno della gestione, offuscando l’obbiettivo primario. Ossia, la promozione e la fruibilità del teatro cittadino Carlo Marenco. E’ certamente noto che tali cause abbiano influito pesantemente nel tempo, decimando le presenze nella Filodrammatica.

Ciò nonostante ho sempre ribadito in più occasioni che la richiesta di incontro finalizzata al rinnovo della convenzione era ed è prematura. A tal proposito con nota PEC del 15/09/2020 gli uffici comunali trasmetto alla “Compagnia Teatro Marenco” la seguente comunicazione: “In riscontro alla Vs. nota pec in data 09/09/2020, con la presente comunico che la situazione di emergenza sanitaria tuttora in corso non ha consentito all’Ente di fare delle valutazioni potenzialmente attendibili, sia sotto l’aspetto programmatico che quello economico, relative alla nuova stagione del teatro. L’apertura del nuovo anno scolastico, in quanto problematica di primaria importanza, ha assorbito tutte le attenzioni per essere attivata secondo i nuovi criteri di sicurezza e l’Amministrazione si riserva di analizzare nei giorni a venire gli effetti che produrrà sulla cittadinanza. Pertanto qualunque decisione in merito, sarà analizzata e ponderata sul maggior numero di informazioni possibili e sarete ricontattati quanto prima”.

Concludo con un impegno: questa Amministrazione si impegnerà affinché il passato, il presente ed il futuro del teatro cittadino Carlo Marenco non possano mai essere messi in discussione da vicende estranee al prestigio, al contesto ed all’importanza della cultura teatrale».

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl