MENU

Garessio: “flash mob” sulla struttura che gli abitanti vogliono abbattere

I negozianti appoggiano la proposta del sindaco Fazio: il ponte sul Tanaro fa da tappo e provoca le inondazioni in paese

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Garessio: “flash mob” sulla struttura che gli abitanti vogliono abbattere

Foto Adolfo Ranise, Click Art

GARESSIO – «Non riapriremo i nostri negozi finché non ci sarà la firma dell’abbattimento del ponte Odasso. E bloccheremo gli eventuali lavori “di rattoppo”». Sono decisi i garessini che lunedì hanno organizzato un “flash mob” mettendosi in fila su ciò che rimane del manufatto accusato di essere, da tempo, una delle cause delle inondazioni in paese quando il Tanaro si gonfia. «Ci siamo schierati sul ponte per appoggiare la proposta del sindaco Ferruccio Fazio di abbattere immediatamente la struttura che è stata causa di tanta sofferenza per la popolazione garessina», spiegano.

Anche in questa alluvione, come nelle precedenti, l’antico ponte a tre arcate, con i massicci piloni centrali, ha fatto “diga”, causando l’allagamento e la devastazione della borgata del Ponte, dove negozi ed abitazioni sono stati ancora una volta invasi dal fango. Da tempo il sindaco ne chiede l’abbattimento e la ricostruzione. Fazio: «È la terza alluvione negli ultimi 26 anni per il nostro paese. Le istituzioni finalmente ci ascoltino: il ponte Odasso e quello sulla provinciale 582 che causa regolarmente l’allagamento dello stabilimento sottostante, devono essere demoliti e ricostruiti con criteri più adeguati». Un appello ribadito anche domenica al governatore del Piemonte Alberto Cirio.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl