MENU

Nuovo Dpcm entro mercoledì, Conte in Parlamento: «Non un lockdown generalizzato, ma misure differenziate» - Limiti agli spostamenti tra regioni con elevato coefficiente di rischio - Limiti alla circolazione a tarda sera

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Nuovo Dpcm entro mercoledì, Conte in Parlamento: «Non un lockdown generalizzato, ma misure differenziate» - Limiti agli spostamenti tra regioni con elevato coefficiente di rischio - Limiti alla circol

il presidente del consiglio Conte in Parlamento

Le nuove misure
Il nuovo Dpcm anti-Covid che il governo si appresta a varare entro mercoledì conterrà misure restrittive che saranno "differenziate a seconda dei livelli di contagi nei territori". “Ogni intervento - ha detto Conte alla Camera dei Deputati lunedì' mattina - sarà vagliato a seconda della soglia di criticità e basato su vari parametri. Rispetto alla prima fase, quindi, ci saranno misure mirate e non un lockdown generalizzato per tutto il Paese”. "Nel prossimo Dpcm - ha proseguito - indicheremo 3 aree con tre scenari di rischio con misure via via più restrittive. L'inserimento di una Regione avverrà con un'ordinanza del ministro della Salute".
LE RESTRIZIONI

"Pensiamo alla chiusura dei centri commerciali nel weekend (misura già presente in Piemonte e prescritta dalla Regione) e lo stop ai videogiochi ovunque siano collocati”, ha anticipato Conte. "Sui mezzi di trasporto pubblico ci sarà una capienza massima del 50 per cento - ha detto - e prevediamo limiti alla circolazione delle persone verso le regioni più a rischio e nella fascia serale.

LE MISURE IN BREVE

Chiusura nei giorni festivi e prefestive centri commerciali, ad eccezione farmacie, parafarmacie supermercati ed  edicole.

Chiusura sale bingo e corner per scommesse e videogiochi.

Chiuderanno i musei e mostre

Riduzione fino al 50% massima della capacità dei mezzi pubblici locali

LIMITI AGLI SPOSTAMENTI E DA VERSO LE REGIONI CON ELEVATI COEFFICIENTI DI RISCHIO SALVO COMPROVATE ESIGENZE LAVORATIVE MOTIVI DI STUDIO E DI SALUTE.

Limiti alla circolazione persone nella fascia serale più tarda, tranne le eccezioni: rispetto alle anticipazioni date da più fonti circa un coprifuoco nazionale alle 21, il presidente del Consiglio non ha specificato l'orario, parlando genericamente di "tarda serata". 

Scuole secondarie integralmente a didattica a distanza sperando che sia una fase temporanea.

Per Regioni a rischio più elevato prevediamo di introdurre misure più restrittive.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl