MENU

Bongioanni (Regione): «Piemonte zona gialla dal 13 dicembre»

La critica al governo: «Non riaprire gli impianti sciistici causerà pandemia economica»

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Bongioanni (Regione Piemonte): «Piemonte zona gialla dal 13 dicembre»

Nella foto, il consigliere Bongioanni (Fdi)

«Zona gialla il 13 dicembre». Così scrive sulla sua pagina Facebook il consigliere regionale Paolo Bongioanni, di Mondovì, al termine di una riunione con il presidente della Regione Alberto Cirio ed alcuni tecnico. «I dati della Regione Piemonte con un ulteriore decremento di 11 ricoveri in terapia intensiva e 85 in ordinaria sono da zona gialla - aggiunge Bongioanni -. Se verranno confermati nei prossimi giorni scatterà la zona gialla il giorno 11 dicembre, che diventerà effettiva domenica 13 dicembre. Sembra che i ministri competenti invece vogliano ad ogni costo tenere chiuse le stazioni sciistiche e bloccare lo spostamento tra regioni, e aggiungo io totalmente avulsi della conoscenza di un barlume delle economie di mercato, ed all' oscuro di cosa sia una stazione sciistica, di come funzioni e come possa venire gestita. La salute innanzitutto e lo abbiamo dimostrato come maggioranza con responsabilità e credo con buon senso, non riaprendo le scuole, ma non aprire le stazioni sciistiche, che generano solo in Piemonte, una ricaduta sull'indotto di un miliardo di euro, il 50% del quale viene prodotto dal 22 di dicembre al 6 di gennaio e un colpo talmente forte alla nostra economia già al collasso, che non ci saranno forma di Ristori che la potranno sostenere. Rischiamo una pandemia ben più grave di quella sanitaria».

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl