MENU

«La scuola non è chiusa e la didattica a distanza, nei licei, funziona»

La voce “controcorrente” del professor Paolo Lamberti, del Liceo “Vasco – Beccaria – Govone”

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
«La scuola non è chiusa e la didattica a distanza, nei licei, funziona»

Il professor Paolo Lamberti, del "Vasco - Govone - Beccaria"

Ci sono punti di vista diversi ed è giusto che i nostri lettori li abbiano il più possibile presenti. Quello del professor Paolo Lamberti, docente, da 36 anni del liceo “Vasco Beccaria Govone” è (quasi) controcorrente. La scuola non è chiusa perché c’è la Dad che, per i Licei, per esempio, funziona egregiamente. "Dato che il ministro Azzolina mi ha comunicato che la scuola è chiusa, stamattina pensavo di andare a sciare – scrive Lamberti -. In realtà la scuola è uno dei settori, nella crisi attuale, che ha continuato a funzionare con maggiore continuità: insegnando in un liceo, mi riferisco a questa realtà che coinvolge più del 50% degli studenti delle superiori. Altro è il discorso per elementari e medie, e anche per professionali e tecnici il rientro è necessario per l’uso dei laboratori; né vanno taciuti i problemi per gli allievi che necessitano di sostegno.

Ma rientrare nella scuola in presenza Covid non è rientrare a scuola in presenza: significa per gli allievi tornare con mascherine, congelati nei banchi, senza riuscire a sentirsi, carichi ogni giorno di tutti i libri e dizionari, senza interazioni con altre classi, senza vedersi in faccia: se vogliono parlarsi devono usare Whatsapp. Rientrare significa meno socialità che nella DaD. Non parliamo delle finestre aperte, con le temperature di questi giorni.

Per i docenti vuol dire trovarsi davanti volti di cui non si coglie l’espressione, faticare a vedere gli ultimi banchi, non poter girare tra gli allievi, distribuire libri, scendere in biblioteca; soprattutto è difficile farsi sentire, e alzare la voce è a maggior rischio di contagio (io ho comprato un microfono); né è semplice ascoltare domande ed interrogazioni.

Per non parlare di tutte quelle attività collaterali, conferenze, teatri, viaggi di istruzione, cancellate dal Covid: possibile invece in DaD “portare” le classi a conferenze, come quelle organizzate dalla Normale.

Dire che la scuola è chiusa dimentica la buona efficacia della DaD, almeno per i Licei e sottovaluta la funzione educativa della responsabilità richiesta agli allievi: è un’esperienza che costruisce la tanto vantata resilienza, e aiuta gli studenti a ricordare che vanno a scuola per il proprio futuro, non per dovere. Avere un’istruzione avanzata significa nella vita redditi più alti, salute migliore e longevità maggiore.

Quindi trovo demagogico parlare di scuole chiuse e piste di sci aperte: perché le scuole non sono chiuse, mentre le attività davvero chiuse rischiano di sparire definitivamente. Ed è estremamente ingiusto dimenticare gli sforzi ed il lavoro che docenti ed allievi hanno svolto in questi mesi".

EDIZIONE DI MERCOLEDì 13 GENNAIO 2021

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl