MENU

Il laboratorio della Riva di Lesegno: unico in Italia con il sistema di simulazione dell’acciaio

È il “Gleeble 3800” e può ricostruire tutte le fasi di fabbricazione dell'acciaio

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Il laboratorio della Riva di Lesegno: unico in Italia con il sistema di simulazione dell’acciaio

LESEGNO - Qui sono stati studiati i super acciai al nichel utilizzati nel progetto “Virgo” per l’osservazione delle onde gravitazionali. Ma anche gli acciai “maraging”, speciali perchè caratterizzati da durezza ed insieme malleabilità, impiegati dai team di Formula Uno come Ferrari.  Perchè il laboratorio integrato nello stabilimento siderurgico Riva Acciaio di Lesegno è l’unico in Italia ad essere attrezzato con un sofisticato sistema di simulazione, il “Gleeble 3800”, un “simulatore termomeccanico” della società americana DSI, acquistato dall’azienda nel 2003, che può simulare tutte le fasi di fabbricazione dell'acciaio ma anche di ogni tipo di lega.

“L’acciaio è il materiale metallico più diffuso al mondo e può essere riciclato al 100% praticamente all’infinito - spiega Valerio Bisio, presidente del Cda di Riva Acciaio ed ex direttore dello stabilimento di Lesegno -. Quello prodotto a Lesegno ha come punto di partenza proprio la fusione di rottami di acciaio preparati secondo la direttiva europea 333 del 2011”.

Nella fabbrica di Lesegno non ci sono altoforni e convertitori alimentati con minerale di ferro e carbone ma è proprio il rottame, fuso grazie all'apporto di calore dato dall'energia elettrica, dal gas metano e dall'ossigeno, che dà vita a nuovi prodotti, sperimentati nel laboratorio che permette di fare prove su 30 chili di metallo anzichè su 90 tonnellate, con notevole risparmio.

“Nel laboratorio di Lesegno, che è integrato nello stabilimento e che collabora con varie Università e centri di ricerca come il Politecnico di Torino e L’università di Pisa, vengono realizzate le attività di ricerca e sviluppo del Gruppo Riva Forni Elettrici, di cui Riva Acciaio fa parte, a servizio di tutti i 5 stabilimenti italiani (oltre Lesegno, Caronno Pertusella (VA), Sellero, Malegno e Cerveno (BS)) e internazionali in Francia, Germania, Belgio, Spagna e Canada. Negli ultimi giorni abbiamo eseguito diverse sperimentazioni per i siti francesi”, spiega ancora l’ing. Bisio.

EDIZIONE DI MERCOLEDÌ 3 MARZO 2021

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl