MENU

Clienti che bevono in prossimità dei locali: perché a pagare la multa deve esser anche l’esercente?

Direttore Confesercenti dal Bono: “Una regola assurda, che pretende di trasformare i baristi in sceriffi e poi con quale autorità? Chiediamo un po’ di buon senso”

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Bambini al bar: il ritorno

“Le regole vanno rispettate e chi sbaglia paga. Questo è indiscutibile, però nessuno può pretendere di trasformare i titolari di esercizi pubblici in sceriffi, soprattutto per il controllo di aree esterne ai locali, come portici, strade o piazzali”. Con queste parole il direttore generale di Confesercenti provincia di Cuneo, Nadia dal Bono, commenta la notizia dell’ennesimo esercente multato perché alcuni clienti stavano consumando a pochi passi di distanza dal locale. “È indubbio che in questo periodo difficile ognuno deve fare la sua parte per superare l’emergenza sanitaria - prosegue il direttore dal Bono - , però mi chiedo come sia possibile per una persona che sta lavorando dietro ad un banco, controllate se i clienti si sono fermati fuori a bere o mangiare. Le regole ormai sono note, ci sono i cartelli che le rammentano, quello che bisogna metterci, tutti insieme, è la collaborazione e soprattutto una dose abbondante di buonsenso. Essere multati e chiudere il locale per alcuni giorni è già un fatto pesante in questo momento di crisi e mancanza di lavoro ma esserlo per un comportamento errato altrui, pare anche una beffa. Il titolare del locale non è tenuto, non può, controllare gli avventori fuori dal suo locale. E poi con quale autorità potrebbe farlo? Come possono i baristi trasformarsi, addirittura fuori dai loro locali, in sceriffi per controllare un luogo pubblico? Tutto ciò ha dell’assurdo”.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl