MENU

Donne che assumono pillole contraccettive: «Nessun rischio trombotico legato ad AstraZeneca»

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Donne che assumono pillole contraccettive: «Nessun rischio trombotico legato ad AstraZeneca»

Nella foto, il medico Rosalba Giacchello

«Non vi è alcun dato in letteratura che evidenzi un aumento del rischio trombotico nella popolazione sottoposta al vaccino anti-Covid19, ed in particolare AstraZeneca, rispetto alla popolazione generale, ma anche rispetto alle donne che assumono pillole contraccettive». Lo dice il documento curato dalla Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (Sigo), concetto sottolineato dall’ospedale di Mondovì da Rosalba Giacchello, responsabile della struttura di Ecografia ostetrico-ginecologica e Diagnosi prenatale dell’Asl Cn1.

«La sospensione e poi la ripresa della vaccinazione – dice - con il vaccino Astra-Zeneca ha creato molte perplessità. Tra queste l'ansia delle donne che assumono la pillola per contraccezione (estroprogestinica) o terapia ormonale sostitutiva per menopausa. «A tal proposito le maggiori società scientifiche italiane di ostetricia e ginecologia hanno elaborato un documento (per ora ad interim ovviamente in attesa di nuovi dati). Dice: «Il vaccino anti-Covid19 non può essere pertanto considerato un fattore di rischio trombotico da sommare agli altri eventuali fattori di rischio anamnestici e personali eventualmente presenti. La vaccinazione non è una indicazione a eseguire indagini genetiche per valutare il rischio trombofilico, come non lo è il desiderio di contraccezione ormonale. Per le donne non gravide a rischio trombotico aumentato non vi è nessuna evidenza di controindicazioni alla vaccinazione».

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl