MENU

Addio a Raffaele Sasso, storica firma del giornalismo cuneese

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Addio a Raffaele Sasso, storica firma del giornalismo  cuneese

Una firma importante del giornalismo locale non c'è più. Raffaele Sasso, 74 anni, è morto questa mattina, sabato 21 agosto, dopo avere lottato per mesi con una grave malattia. Originario della provincia di Salerno, è cresciuto a Ceva e Mondovì, dove viveva da anni. Pubblicista dal 1972, sette anni dopo divenne professionista. Dal 2013 era Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti dell’Ordine dei Giornalisti del Piemonte. In quasi cinquant'anni ha collaborato con numerose testate: “Gazzetta del Popolo”, “Il Secolo XIX”, “Stampa” e “Stampa sera“, “Repubblica”, “Sciare”. E' stato direttore del settimanale cuneese “Il Piccolo della Granda” fra il 1979 e il 1980; e addetto stampa del sottosegretario di Stato Raffaele Costa, al ministero degli Esteri, durante il governo Sapadolini fra 1981 e 1982. E' stato direttore ed editore del mensile “Idea neve” fra il 1983 e il 1985. Per oltre trent'anni, dal 1983 al 2015, anche collaboratore della nostra “Provincia granda”, ora era in forza a “L’Unione Monregalese” di Mondovì. Da anni collaborava con il Tg3 regionale Rai e l’Agenzia Ansa. Una penna prestigiosa che ha scelto di seguire l'informazione locale; un collega che ha saputo dimostrare quanto il territorio meriti di essere raccontato con professionalità e precisione. Alla famiglia il cordoglio della nostra redazione I funerali saranno lunedì alle 10 nella parrocchia del Cuore Immacolato di Maria a Mondovì.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl