MENU

Professore senza Green pass, a scuola non lo fanno entrare

Lo sfogo del docente di Peveragno: "Non è tutelata la libertà di scelta"

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Green Pass: 'esercenti hanno ragione, non sono pubblici ufficiali'. Quesito Piemonte a Garante Privacy

"Oggi,1 settembre 2021, dopo 5 anni di scuola come allievo all'Istituto per Geometri di Cuneo e 33 anni come insegnante Tecnico Pratico di Topografia e Costruzioni, di cui 8 a Savigliano e 25 a Cuneo, oggi Scuola Secondaria Superiore Bianchi-Virginio, dopo quindi 38 anni non mi è stato permesso di entrare perché sprovvisto del Green Pass". Così il professore Matteo Barale, peveragnese si è sfogato sui social perchè nel giorno in cui è stato esteso l'obbligo di Green Pass anche per il personale docente non gli è stato permesso di partecipare alla Commissione di esami di riparazione della quale faceva parte. "Credete veramente che il Green Pass potrà contenere i contagi? - aggiunge -. Io credo che produrrà solo tanta discriminazione dividendoci e alimentando la rabbia che nasce da un assurdo "lasciapassare" e da una pressione psicologica, sociale e mediatica. Io non ho le competenze scientifiche ma se mi addentro nella ricerca su canali che non sono a "libro paga" noto ragionevoli dubbi all'interno della stessa comunità scientifica: trombosi, danni neurologici, miocarditi, pericarditi e sul lungo termine infertilità, malattie autoimmuni e tumori". Pur essendosi presentato a scuola, il professore è stato considerato "assente ingiustificato". Un provvedimento contro il quale il professore ha cercato di sporgere denuncia. Non è un no vax, è per la libertà di vaccinazione, e non si è messo in aspettativa, ma rischia di restare a casa da lavoro con stipendio sospeso.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl