MENU

Al cebano Alberto Cairo, il premio "Res Publica 2021" per l’impegno a favore di rifugiati e disabili di guerra. Premio anche All’Alto Commissario ONU Filippo Grandi

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Al cebano Alberto Cairo, il premio "Res Publica 2021" per l’impegno a favore di rifugiati e disabili di guerra. Premio anche All’Alto Commissario ONU Filippo Grandi

Il cebano Alberto Cairo

Ai nastri di partenza la IV edizione del Premio Internazionale Res Publica. Il riconoscimento è attribuito ogni anno a singoli e associazioni che si prodigano a favore del bene comune e del senso civico. Le prime due personalità scelte dalla giuria del Premio per il prestigioso riconoscimento sono il diplomatico italiano Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, e il fisioterapista Alberto Cairo, meglio conosciuto come l’Angelo di Kabul per l’impegno in difesa delle vittime delle mine antiuomo. Altri tre premiati saranno resi noti nei prossimi giorni dall’associazione “Buon Governo e Senso Civico” promotrice del Premio, fondata nel 2017 a Mondovì, per stimolare maggiore interesse e attenzione alla collettività, tramite l’impegno personale e professionale. Il Premio Res Publica, riconosciuto con Medaglia d’oro della Presidenza della Repubblica, è simboleggiato in una scultura bronzea di Riccardo Cordero. La consegna dei premi è in programma nel pomeriggio di sabato 30 ottobre presso la Sala Ghislieri a Mondovì Piazza, in provincia di Cuneo. L’evento è preceduto da una tavola rotonda sul tema “Dall’io al noi – come il cuore dei giovani può migliorare il mondo”.  La presenza di persona è assicurata a un numero limitato di partecipanti, previa prenotazione con la segreteria del Premio (segreteria@premiorespublica.it). L’evento sarà trasmesso in rete e successivamente visualizzabile sul sito www.premiorespublica.it.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl