MENU

EVENTO

Mondovì scommette sui “Peccati di Gola” della ripartenza

Da sabato a lunedì con Enoteca Golosa e le eccellenze del territorio. Organizzato da "La Funicolare"

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Mondovì scommette sui “Peccati di Gola” della ripartenza

La prima edizione di Peccati di Gola risale al 1999, mentre l’anno scorso, a causa della pandemia, gusto, prodotti ed eventi sono rimasti ai box. L’edizione 2021 diventa. Così, una scommessa, quelal della ripartenza. Ventidue anni fa era stata quasi una scommessa: si voleva valorizzare il lavoro dei produttori locali che non avevano ancora una rassegna capace di farli conoscere, insieme ai prodotti del territorio, al pubblico più vasto. I contenitori erano stati i palazzi storici di Mondovì Piazza, secondo un’idea dell’allora assessore comunale Gianni Ferrero: si rivelarono insufficienti per contenere migliaia di persone che, in una sola giornata, avevano visitato pochi stand all’interno dei contenitori del quartiere alto. Oggi si parla di “XXIII Fiera Regionale del Tartufo” e gli organizzatori hanno deciso che la “location” è diventata sia la città bassa (Breo), sia Piazza, il quartiere alto, capaci entrambi di contenere decine di produttori. L’amministrazione comunale del sindaco Paolo Adriano e dell’assessore alle Manifestazioni Luca Olivieri, attraverso il braccio operativo de “La Funicolare” insieme ad altre realtà che hanno lavorato sodo per mesi, hanno deciso per un percorso del gusto creato perché si punti sulla massima qualità, dal salato al dolce, procedendo attraverso il tartufo bianco e nero, i vini, le birre, i liquori, i laboratori gratuiti, le divise gli allievi dell’Alberghiero di Mondovì e tanto altro garantito, tra gli altri, anche dai “Trifolau del Monregalese e Cebano” e da Slow Food.

Il conto alla rovescia, intanto, è partito: l’edizione 2021 di “Peccati di Gola & XXIII Fiera Regionale del Tartufo” è in programma sabato 30, domenica 31 ottobre e lunedì 1° novembre 2021. È la tre giorni enogastronomica più attesa del Monregalese. Il sindaco Paolo Adriano ha aperto la conferenza di presentazione, venerdì mattina, in municipio, con un chiaro messaggio chiaro: «Sarà un’edizione con una maggior attenzione alle eccellenze del territorio, con i riflettori puntati sulle De.Co. e sui prodotti che più qualificano il Monregalese, dalle mele sino ai tartufi».
La parola d’ordine è ‘sinergia’. L’unione di intenti per un comune obiettivo: promuovere le produzioni alimentari e le bellezze architettoniche della Città di Mondovì e dintorni.  «Vogliamo ripartire alla grande - dichiara Mattia Germone, presidente ‘La Funicolare’ -, sono certo della buona riuscita dell’evento perché abbiamo lavorato come una squadra affiatata e collaudata, nonostante sia la nostra prima volta. Un esordio non facile, soprattutto in periodo di pandemia, ma abbiamo dimostrato ottime capacità di adattamento. Dall’allestimento aereo ai ‘Peccati di Gola on Tour’ sino al ‘pizzicotto’: un piattino dalla forma particolare, prodotto dalla ceramica Besio, già destinato a diventare oggetto da collezione. Una vera e propria ‘chicca’». L’assessore alle manifestazioni, Luca Olivieri, ha posto l’accento sulle visite alle aziende: «Un’iniziativa dal profondo significato semantico: non sono i prodotti che arrivano in tavola ma il consumatore che scopre la genesi della filiera. Una vera e propria riscoperta dell’origine che rende più consapevoli nelle future scelte».

L’ALLESTIMENTO: 2.000 OGGETTI APPESI
Sono oltre duemila gli oggetti appesi: coltelli, forchette, cucchiai, bicchieri e l’immancabile mela, nelle versioni bianca e rossa, simbolo della manifestazione in onore delle produzioni della Garzegna. Un fil rouge che guiderà il visitatore da piazza Ferrero sino a piazza Santa Maria Maggiore e da via Marconi sino a piazza Maggiore, unendo i quartieri di Breo e Piazza dalla funicolare.  «Nei punti informazione - dichiara Valentina Masante, segreteria ‘Peccati di Gola’ -saranno disponibili dei carnet che includeranno ticket degustazioni presso l’Enoteca Golosa, biglietti andata e ritorno in fune, buono sconto presso le Osterie dei Golosi. Il tutto per rendere più semplice ed allo stesso tempo conveniente l’esperienza. Tutta la Città di Mondovì coinvolta in un evento ormai simbolo dell’autunno nella Granda».

Lungo le vie del centro storico si mescoleranno sapori antichi, dal profumo del tartufo, oro bianco delle valli, sino agli aromi delle panificazioni locali: degustazioni accompagnate dalle oltre 40 etichette dell’Enoteca Golosa, pronta a stupire i palati più raffinati. A Mondovì, dal 30 ottobre al 1° novembre, ‘peccare sarà lecito’.

 

SI Può METTERE ACCANTO ALLA MAPPA

I PUNTI DI INTERESSE

Innumerevoli i punti d’interesse che caratterizzano la manifestazione: EXPO DEL GUSTO (piazza Ferrero), mostra-mercato delle eccellenze agroalimentari; OSTERIE DELLA TRADIZIONE (piazza Ferrero), il meglio delle eccellenze a tavola; PRODUTTORI LOCALI (via Beccaria), i produttori del Mercato Contadino e del Monregalese; MELAVIGLIA (piazza Roma - Area Mario Berutti “Upi”), alla scoperta dei sapori e dei profumi delle De.Co. di Mondovì; XXIII FIERA REGIONALE DEL TARTUFO (piazza Battisti), tartufo: profumi e sapori da scoprire, Casa Coalvi, passione funghi e tartufi; PECCATI DI PANE (piazza S. Pietro), alla scoperta dei prodotti da forno del territorio; CASA SLOW FOOD MONREGALESE (piazza Moizo - Sala Gianni Ferrero), laboratori, degustazioni guidate e esperienze sensoriali; RAKIKORNER (via S. Agostino), la vetrina del liquore tipico di Mondovì; VETRINA DEL TERRITORIO MONREGALESE E PECCATI IN GIOCO (via Piandellavalle), alla scoperta delle nostre valli, delle iniziative culturali e delle eccellenze creative; PEDALARE PER PECCARE - escursioni del gusto in e-bike presso lo stand Conitours, attività ludico ricreative per i più piccoli; CIBO DI STRADA GOURMET (piazza S. Maria Maggiore), lo street food a modo nostro birre artigianali; ENOTECA GOLOSA - PECCATO NON ESSERCI (piazza S.Maria Maggiore), il percorso tra tante etichette di vini DOC e DOCG; REGIONI OSPITI (Piazza Maggiore), le eccellenze delle regioni ospiti; ASSAPORA LA CULTURA (piazza Maggiore - Ufficio Turistico IAT), visite guidate ai monumenti della città Museo della Ceramica, Infinitum - Chiesa della Missione.

NOVITA’: SI Può VISITARE IL BOSCO DELLA NOVA

Tra le novità assolute dell’edizione 2021 la possibilità di scoprire i castagneti secolari del BOSCO DELLA NOVA (via Vasco): una vasta area di ‘bosco urbano’, un vero e proprio polmone verde sulla collina del Monte Regale, in cui la Cooperativa Sociale Proteo ha investito importanti risorse umane per poter offrire alla cittadinanza un luogo ormai dimenticato. «Siamo fieri ed entusiasti di poter offrire alla comunità uno spazio che non era percepito come risorsa - afferma Fabrizio Clerico, responsabile di Proteo - la pulizia ha reso ‘confidente’ e visitabile il bosco, dove verranno proposte degustazioni di caldarroste in uno scrigno di biodiversità».

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl