MENU

Oltre 40 milioni dal Ministero degli Interni per la sicurezza di edifici e strade a 67 comuni della Granda

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Oltre 40 milioni dal Ministero degli Interni per la sicurezza di edifici e strade a 67 comuni della Granda

Un'immagine del Comune di Pamparato

Ammontano a oltre 40 milioni di euro i contributi destinati al Cuneese disposti dal governo per la messa in sicurezza del territorio e degli edifici pubblici. I fondi, che a livello nazionale valgono 1.696.722.093,37 euro, sono stati assegnati dal ministero dell’Interno ai Comuni e si vanno quindi ad aggiungere al contributo di 1.850.000.000 di euro assegnato il 23 febbraio 2021. Con decreto del 8 novembre 2021 sono stati assegnati i contributi ai Comuni per la realizzazione di opere pubbliche per la messa in sicurezza di edifici e del territorio anno 2021. Con la promessa che si legge nel comunicato del ministero che «con successivo provvedimento si procederà all’ulteriore scorrimento della graduatoria, per assegnare le risorse residue per l’anno 2022, pari a 52.394.933,02 euro, nonché quelle che si rendono disponibili in seguito a rinunce o revoche». «Questi contributi – spiegano i parlamentari leghisti Giorgio Maria Bergesio e Flavio Gastaldi – rappresentano anche un’ulteriore opportunità per la ripresa economica. Siamo però consapevoli delle difficoltà, soprattutto nei piccoli Comuni, a gestire la mole di lavori e progetti arrivati negli ultimi mesi e per questo la Lega è impegnata a cercare di prorogare alcune scadenze sul termine lavori per consentire agli enti locali di concludere le opere senza il rischio di perdere gli importanti finanziamenti». I 40.420.252,65 destinati al cuneese finanzieranno 95 interventi, tra tutela dal rischio idrogeologico, messa in sicurezza di strade, ponti e viadotti e messa in sicurezza ed efficientamento energetico degli edifici, dislocati in 67 Comuni. "Queste risorse sono importanti ma non dimentichiamo mai - sottolineano Bergesio e Gastaldi - che la nostra terra è a credito verso lo Stato sia per quanto riguarda le infrastrutture viarie e ferroviarie che per l'assoluta virtuosità sia lavorativa che fiscale. Ora occorre semplificare le procedure e far sì che queste risorse vengano investite subito."

Ecco l'assegnazione:

BAGNOLO PIEMONTE 1.390.000

MANGO 574.784

BARGE 915.000

MARTINIANA PO 100.000

BAROLO 944.000

MELLE 560.000

BATTIFOLLO 729.591

MOMBARCARO 995.000

BEINETTE 800.000

MOMBASIGLIO 90.000

BELLINO 1.000.000

MONASTEROLO DI SAVIGLIANO 414.506

BRA 600.000

MONDOVI' 800.000

BRIAGLIA 99.800

MORETTA 650.000

BRONDELLO 150.000

MOROZZO 560.000

BUSCA 2.500.000

MURAZZANO 500.000

CANALE 740.000

MURELLO 602.000

CARDE' 809.945

PAESANA 950.000

CASTAGNITO 200.000

PAMPARATO 130.000

CASTELLETTO STURA 490.000

PIETRAPORZIO 200.000

CASTELLINO TANARO 785.000

POCAPAGLIA 1.000.000

CASTELMAGNO 990.000

PRIOCCA 200.000

CASTINO 449.667

PRUNETTO 115.000

CAVALLERMAGGIORE 180.000

REVELLO 750.000

CERVASCA 170.000

ROCCA CIGLIE' 500.000

CERVERE 998.821

ROCCA DE' BALDI 284.400

CEVA 1.000.000

ROCCABRUNA 762.043

CHIUSA DI PESIO 300.000

ROCCAFORTE MONDOVI' 550.000

CISSONE 835.000

ROCCASPARVERA 650.000

CLAVESANA 510.000

RODDINO 223.000

CORNELIANO D'ALBA 400.000

SALICETO 675.000

ENTRACQUE 300.000

SAN MICHELE MONDOVI' 823.500

ENVIE 100.000

SANFRE' 600.000

FARIGLIANO 300.000

SANT'ALBANO STURA 950.000

GAIOLA 100.000

TORRE BORMIDA 475.000

GARESSIO 350.000

VALGRANA 310.000

GENOLA 50.000

VILLANOVA MONDOVI' 1.541.195

GOVONE 920.000

VILLANOVA SOLARO 330.000

IGLIANO 998.000

VINADIO 900.000

MACRA 550.000 

TOTALE: 40.420.252,65

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl