MENU

Mondovì l’imprenditore accusato di essere il mandante dell’omicidio non ci sta: «Sono amareggiato, tutto falso, Alban era come un figlio»

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Mondovì l’imprenditore accusato di essere il mandante dell’omicidio non ci sta: «Sono amareggiato, tutto falso, Alban era come un figlio»

Bertola e Gropcaj nell'officina monregalese

Lui non accetta le accuse della giustizia brasiliana e ribatte con decisione. Guido Bertola, finora solo secondo fonti di stampa, è stato individuato dalla procura di Fortaleza come il mandante, nel 2019, dell’omicidio di Alban Gropcaj, l’operaio ventottenne alle sue dipendenze nella “Azzurro srl” di Mondovì ed “amico da lunga data, anzi quasi un altro figlio”. (Qui la notizia). L’imprenditore monregalese replica così alle accuse: «A distanza di più di tre anni dall’indelebile e tragico episodio, quanto appreso dagli organi di stampa locali riapre una ferita non ancora rimarginata. Leggere, per di più, che gli inquirenti brasiliani siano giunti ad incolparmi di essere mandante dell’omicidio di colui che per me era come un figlio, mi amareggia e mi lascia senza parole».

Secondo l'inchiesta, l'italiano avrebbe chiesto la morte del suo dipendente per "interessi finanziari".  Il delitto è avvenuto di ritorno da un ristorante di Fortaleza, di sera, ad opera di due persone armate di pistola che, dopo aver bloccato l’auto con Bertola e Gropcaj a bordo (l’imprendiotre era alla guida), hanno sparato alla testa dell’operaio.

Sull’inchiesta sta cercando di saperne di più il legale di Bertola, l’avvocato Simone Bianchino. «Non siamo stati destinatari di alcuna comunicazione formale – dichiara -. Sebbene, nel corso delle indagini, abbiamo collaborato con le autorità locali con rinnovata disponibilità. A breve avremo riscontro dai nostri referenti locali per meglio comprendere il portato di questa notizia. Per quanto abbiamo letto sino, le motivazioni addotte dagli inquirenti appaiono infondate e del tutto illogiche».

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl