MENU

“L’indeterminatezza del nome”: la NON scelta per piscina comunale e palestra a Piazza

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
“L’indeterminatezza del nome”: la NON scelta per piscina comunale e palestra a Piazza

Sarà salomonica, sarà inevitabile oppure saranno solo soluzioni dettate da un sondaggio, ma l’intitolazione così generica di due importanti strutture sportive come la piscina comunale di Mondovì e la “costruenda” palestra di Piazza suona come una delusione. L’Avas Fidas si è presa carico di trovare e suggerire all'amministrazione comunale le possibili intitolazioni e martedì ha dato il responso: “Piscina del Monteregale” e palestra “Città degli Studi”. Il comunicato recita: «Dopo l’assenso dall’Assessorato allo Sport e alle Politiche Giovanili, la Fidas ha proceduto seguendo tre criteri: richiesta di suggerimento alla popolazione monregalese di nomi o entità attraverso un sondaggio pubblico. Ricerca, approfondimento e voto sulle principali voci suggerite da parte degli studenti delle classi quinte degli istituti scolastici superiori della città. Infine vaglio e valutazione su quanto emerso da parte di un consiglio di garanti riunitosi presso nella Casa Comunale il 7 aprile. Il lavoro ha coinvolto in primis la popolazione, in seconda battuta sono stati gli studenti delle quinte delle scuole superiori di Mondovì ad esaminare e dare un voto alle proposte. Non sono mancate comunque anche proposte alternative suggerite dagli studenti stessi.

La considerazione che non si sia riuscito a trovare un nome del passato a cui dedicare le strutture non è facile da capire. La genericità, di solito, porta con sé vaghezza e scarsa determinazione. Se la città annovera strutture con nomi come Nino Manera (direttore ed editore storico di “Provincia granda e “Gazzetta di Mondovì”) e l’imprenditore illuminato Piero Gasco, il campetto di basket dedicato a Giorgio Tino, possibile che non si sia riuscito a scovare un nome adatto? I ragazzi delle superiori che hanno votato sono stati abbastanza istruiti dei personaggi a cui poter dedicare  gli impianti. Se si sceglie si scontenta? Vero, basta avere il coraggio di farlo e spiace che venga il sospetto che la concomitanza delle elezioni comunali magari abbiano avuto un peso. Piero Dardanello, Luigi Caldano, Valter Turco, Lorenzo Tealdi, Dario Cerrone: sono tutti nomi che meritano e, per ora, ci vengono in mente solo questi. La “Piscina del Monteregale” fa riferimento al fatto che l’impianto di corso Europa deve essere di un comprensorio. “Mondovì città degli studi” è quasi una scommessa in tempi di “non” trasferimenti” di scuole in difficoltà e dirigenti scolastici che chiedono aiuto da anni, nonostante i numeri confortanti delle iscrizioni. Soluzioni salomoniche? Il sospetto resta. Un sondaggio o una decisione può sempre essere ripresa e cambiata. Pensateci.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl