MENU

Dieci milioni a Mondovì per la ricostruzione dell’Istituto “Baruffi”

La Provincia ha vinto il bando nazionale

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Dieci milioni a Mondovì per la ricostruzione dell’Istituto “Baruffi”

L’edificio scolastico che ospita l’Istituto “Baruffi” a Mondovì Piazza sarà ricostruito secondo nuovi criteri di efficienza energetica, innovazione e sicurezza. La Provincia di Cuneo ha vinto il bando “Futura” per le scuole superiori innovative (216 gli interventi finanziati da enti locali in tutt’Italia di cui 27 per Province e Città metropolitane). A Mondovì arriveranno 10.080.000 euro per la ricostruzione del vecchio edificio scolastico che risale agli anni Sessanta, mentre la palestra non sarà interessata dall’intervento. La graduatoria è stata pubblicata giovedì sera 5 maggio.

Il presidente Federico Borgna: “La Provincia sta dimostrando che avere approccio strategico e capacità progettuale porta frutti. Gli investimenti sull’edilizia scolastica, con la manutenzione delle strutture esistenti e la progettazione di ben cinque nuovi edifici, rappresentano un grande investimento a beneficio delle generazioni future”.

La realizzazione di nuove scuole, mediante sostituzione edilizia, ha lo scopo di creare plessi più innovativi, sostenibili, sicuri e inclusivi. A Mondovì Il nuovo “Baruffi” ospiterà 600 ragazzi (oggi sono 515) in un edificio meno dispersivo rispetto all’attuale e con minore cubatura, ma con una maggior efficienza energetica ed un consumo inferiore del 20% agli standard europei (requisito nZeb). La progettazione sarà affidata e eseguita a livello nazionale direttamente dal ministero dell’Istruzione tramite un concorso di idee. I tempi devono ancora essere definiti, ma il tutto dovrà essere concluso e rendicontato entro il 31 marzo 2026.

Il finanziamento “Futura. La scuola per l’Italia di domani” arriva dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) missione 2 che punta sulla rivoluzione verde e transizione ecologica e la componente 3 per l’efficienza energetica e la riqualificazione degli edifici con la costruzione di nuove scuole mediante la sostituzione di vecchi edifici.

Pietro Danna, consigliere provinciale: «Continua così il nostro impegno per garantire ai nostri ragazzi scuole nuove, concepite come spazi aperti, inclusivi e “smart”. Ringrazio gli uffici provinciali per il lavoro svolto in questi mesi, che ci ha portato, oggi, ad ottenere questo importante risultato».

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl