MENU

L’ex console Comba assessore esterno a Castelnuovo di Ceva. Dopo le dimissioni del monregalese Pulitanò

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
L’ex console Comba assessore esterno a Castelnuovo di Ceva. Dopo le dimissioni del monregalese Pulitanò

Fabrizio Comba

Quando un ex console onorario diventa assessore esterno di un Comune con meno di 97 abitanti. Accade a Castelnuovo di Ceva, Comune che con il suo castello, nell’XI secolo, aveva il compito di proteggere il Marchesato dalle incursioni provenienti dalla Liguria. Qui Fabrizio Comba è stato nominato, a marzo, assessore esterno nella giunta del sindaco Mauro Rebuffo, al suo secondo mandato amministrativo (si voterà nel 2023). Accade che Comba, imprenditore e dirigente d'azienda, ex di Forza Italia e dal 2013 componente di Fratelli d’Italia, ha accettato l’incarico dopo che il monregalese Rocco Pulitanò ha rassegnato le dimissioni per poter correre a Mondovì con il centrodestra come aspirante consigliere comunale nella sua città, sostenendo Enrico Rosso (centrodestra). Pulitanò è già stato consigliere e presidente dell’assemblea comunale monregalese. «Il nome di Comba è stato fatto da Pulitanò – dichiara il primo cittadino Rebuffo – e lui ha accettato. Ne siamo felici, perché grazie alla sua esperienza potrà essere utile al nostro piccolo paese». L’esperienza a cui si riferisce Rebuffo è in campi diversi: già componente del consiglio di amministrazione dell'Unicredit corporate banking, Comba è stato Console onorario della Repubblica di Bielorussia. Nel 2010 è stato eletto per la prima volta in Consiglio regionale (quota proporzionale), nella circoscrizione di Torino, con 9.019 voti di preferenza. Deleghe particolari? «Nessuna – risponde Rebuffo -. Sostituisce Marcella Rebuffo, dimissionaria tempo fa».

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl