MENU

Studenti monregalesi alla conquista di Verona

Ottimi risultati per i ragazzi della media musicale Gallo al Concorso Nazionale Scuole in Musica

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Studenti monregalesi alla conquista di Verona

Erano migliaia, provenienti da tutta Italia, gli studenti  alla 6^ edizione del Concorso Nazionale “Scuole in Musica”, a Verona dal 25 al 27 maggio. Un esercito di giovani musicisti di cui hanno fatte parte 69 studenti delle scuole monregalesi, 66 della media Gallo di Mondovì Piazza ad indirizzo musicale e tre ex allievi che lo scorso anno erano in terza. Un’edizione da record, ma soprattutto la prima vera occasione di tornare alla normalità, con una gita di tre giorni lontani da casa. Già questa è una notizia, come è una notizia il fatto che gli otto professori al comando del gruppo monregalese siano riusciti a tenere i ragazzi lontani dal cellulare 23 ore al giorno su 24, facendo scoprire loro che si vive lo stesso e ci si diverte anche di più. La vera notizia però è che la scuola media musicale di Mondovì è fra le più premiate, forse la più premiata d’Italia. Non è nuova alla partecipazione di concorsi nazionali, “esperienze come questa ci sono mancate tanto - dice la professoressa Paretta -, suonare non è solo studio ed esercizio, è anche emozione, quella di salire su un palco e conquistare il pubblico è una delle più preziose”. E loro, i musicisti monregalesi, il pubblico e soprattutto le commissioni chiamate a giudicare i concorrenti, li hanno conquistati. “Non è stata una passeggiata, i ragazzi sono stati coinvolti in una lunga sessione di prove, il concorso è iniziato alle 14 e terminato alle 22 – dice la professoressa - , dimostrando impegno e pazienza, doti non scontate a quell’età e in gruppo”. La lista dei premi è lunga, citando i principali la scuola di Mondovì ha conquistato il secondo premio con l’orchestra di 1^ media ed il primo premio con l’orchestra di 2^ e 3^. Nelle categorie solisti: primo premio assoluto per Margherita Lanfranco (violino), per Bianca Airaldi (flauto traverso), per Margherita Tala (flauto traverso) e per Sofia Occelli per gli ex allievi (flauto Traverso). “Bene, anzi benissimo i premi, ma io credo che la conquista maggiore per molti di loro, dopo questi due anni di chiusure e vita sospesa, sia stata quella di cavarsela da soli quando necessario, sconfiggere le proprie paure e condividere tutto con gli altri”.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl