MENU

VIDEO

Ospedale di Cuneo, un caso particolare: operato di tumore al solo polmone rimasto

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:

Un caso particolare, come se ne contano solo poco decine al mondo, è stato affrontato da un’equipe multidisciplinare dell’Azienda Ospedaliera S. Croce e Carle di Cuneo. Si tratta di un paziente, al quale 4 anni fa era stato asportato totalmente il polmone sinistro, che è stato operato all’organo respiratorio di destra colpito, successivamente, da un tumore. “Era impossibile da asportare chirurgicamente – spiega Giulio Melloni, Direttore della Chirurgia Toracica -, perché il paziente aveva un unico polmone residuo. Abbiamo sfruttato una nuova apparecchiatura, che si chiama Ecmo, una tecnica di circolazione extracorporea utilizzata in ambito di rianimazione per trattare pazienti con insufficienza cardiaca e/o respiratoria acuta grave, che consente di sostituire la funzione del polmone". “Abbiamo discusso il caso in un team multidisciplinare – racconta Maurizio Roberto, Direttore di Cardiochirurgia – in cui sono state pianificate attentamente tutte le fasi dell’intervento, valutando rischi e benefici. Hanno collaborato i cardio-anestesisti, i cardiochirurghi, i chirurghi toracici e i tecnici perfusionisti”. “Sono pochissimi i casi, nella letteratura medica mondiale, d’interventi di questo tipo – sottolinea Giuseppe Coletta, Direttore del Dipartimento di Emergenze e Aree Critiche -. La nostra Azienda ha investito tantissimo sui processi e sulla multidisciplinarietà e la realizzazione di questo intervento ne è l’ennesima dimostrazione”.“La sfida è stata quella di garantire l’assenza di ventilazione polmonare in un paziente con un solo polmone – conclude l’anestesista Domenico Vitale -. Abbiamo dovuto applicare una metodica di ossigenazione ematica, che normalmente si attua in terapia intensiva, in una situazione molto più complessa, cioè in sala operatoria”.

L’intervento è perfettamente riuscito e il paziente è già stato dimesso.

Hanno collaborato: Giorgio Melloni e Francesco Rosato come primi operatori, Elisa Scarnecchia e Davide Turello aiuto operatori, gli anestesisti Massimo Muraccini, Mattia Mancardi e Domenico Vitale, Fabiana Mattiauda infermiera strumentista, Adamo Mercuri e Melissa Marchisio infermieri assistenti di sala chirurgica, Martina Mattiauda infermiera assistente di sala anestesia, Filomena Perillo e Mara Bono tecnici perfusionisti

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl