MENU

Fiera sì, fiera no

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Fiera sì, fiera no

Vicoforte, una parte della grande area che interessa la Fiera del Santuario

Le fiere sono eventi che ogni anno in Italia coinvolgono milioni di espositori, organizzatori e semplici curiosi e che muovono guadagni stimati per 60 miliardi di euro. Si tratta di iniziative che promuovono il prodotto interessato sul territorio, generando introiti alle aziende standiste e alle città ospitanti, attraverso servizi che vanno dai trasporti alle strutture ricettive. Anche questo settore, nel 2020, deve fare i conti con un ospite inedito, democratico perchè non guarda in faccia nessuno quando lo deve attaccare e per questo spietato: il covid-19. La carica virale è calata? Circola ancora? È limitato alle aree al chiuso? Se persino la scienza spesso barcolla facendo finta di emettere sentenze apodittiche su un virus che non conosce, come fa un sindaco, un amministratore, un responsabile della Pro Loco a decidere serenamente “Faccio la Fiera o non la faccio?”, firmo il permesso per un concerto o no? Per questo motivo trovo inopportuno lodare o condannare chi decide di fare o di non fare. Ognuno è di fronte al proprio senso di responsabilità ed alla propria coscienza. La Fiera del tartufo si svolgerà ed altri eventi non ci saranno, alcuni sono ancora in forse. Come si fa a misurare la bontà di una scelta? Qual è il parametro? Se qualcuno lo sa con certezza, scriva al giornale, io non l’ho ancora capito, nonostante tutti abbiamo una gran voglia di socializzazione, di vita in comune, insomma di esistenza “normale”.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl