MENU

Com’era bello quando era brutto

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Com’era bello quando era brutto

Questa storia dei paragoni col passato non la sopporto più. Quelli che ogni volta dicono, quando ti azzardi a sussurrare che è dura questa situazione: “Ricordo i Natali di mia nonna: dall’8 dicembre si faceva il tavolo con il presepe con niente, allora sì che era dura”. No, è una dimensione del tutto diversa quella che stiamo vivendo. È una cesura storica. Il paragone con la guerra, i nonni non c’entrano nulla ed è insopportabile. Lo scrivo anche a rischio di essere antipatico. Perchè ciò che stiamo vivendo, a differenza di una guerra o di un terremoto, esclude la vicinanza fisica che, invece, è stato un pezzo della rinascita e noi non l’abbiamo. La nonna viveva un tempo diverso e non era “appesa” nella propria vita a pezzi di parole del premier Conte e del presidente di Regione di turno. Il Natale non potrà essere come quello che abbiamo fatto prima. Semplice: sarà diverso. Doloroso? Sì, senza dubbio, ma così è. Ecco, per favore, cerchiamo solo il buon senso: esiste la possibilità di fare il periodo di fine anno in modo dignitoso? Bene, facciamolo così.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl