MENU

Avere il farmaco: fate presto!

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Avere il farmaco: fate presto!

La preparazione dei vaccini nella prima somministrazione della "Granda" al Santa Croce di Cuneo

Alla fine registriamo una fregatura mondiale da parte dei fornitori, come magari si racconta tra imprenditori o nelle aule dei tribunali penali. Com’è possibile che mostri aziendali come Pfizer AstraZeneca and company improvvisamente scoprano che i loro impianti non possono produrre dosi sufficienti rispetto a quelle annunciate? Ma neanche Ken Follet o Le Carrè in un romanzo spy. Lo spazio per l’investigazione di qualche magistrato di razza magari ci potrebbe stare. Temo che seguendo le dure leggi del mercato, però, la cosa più importante sia, oggi, “portare a casa il vaccino”, scongiurando un pericoloso mercato parallelo con prezzi raddoppiati. L’incremento della produzione andava pensato l’estate scorsa quando si diceva: “il virus sta scemando” essendo molto cicale e poco formiche. La parte finale, quella della somministrazione, per quanto complessa, è la parte forse meno difficile. La questione fondamentale è “avere il farmaco” e in tempi brevi. Più si allunga il brodo, più il virus si incattivisce e magari varia ancora. “Fate presto” si è detto più volte per tante occasioni. Ora ancora di più.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl