MENU

Colle senza psichiatra

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Colle senza psichiatra

Alla ricerca del “profilo di alta moralità”. Bene, e ci mancherebbe altro fosse di un profilo diverso, ma non fateci più vedere, per l’elezione del Capo dello Stato, la penosa scena del nonno che redarguisce i nipotini, i quali ringraziano per le scudisciate appena ricevute. La ricordate la scena del presidente Napolitano (rieletto) che sgrida, sull’orlo dell’offesa, i parlamentari e loro rispondono “grazie”? Scene (dell’aprile 2013) che non vorremmo rivedere. Sergio Mattarella l’ha fatto capire in tutti i modi: “Il mio incarico termina qui”, ma davvero lo ascolteranno? Perché stando alle cronache politiche il nome univoco ancora non c’è. Berlusconi (già in declino), Casini, Draghi, Amato, Boldrini, Cartabia, Gentiloni, Casellati, Severino, Franceschini… Cari grandi elettori scegliete (inutile dire “secondo coscienza”, sappiamo che non sarà così, ma secondo precisi accordi e convivenze a denti stretti). Però per favore, non fateci rivedere quelle scene. «Siete stati sordi», disse Napolitano. E loro applaudirono. «Inconcludenti». E si spellarono le mani. «Irresponsabili». E andarono in delirio. Risparmiateci la penosa seduta di autocoscienza psichiatrica come per il re-insediamento di “Re Giorgio”. A capo chino votate e stop.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl