MENU

LANGA

Dogliani: le attività non pagheranno la Tosap e avranno una riduzione su Tari e imposta sulla pubblicità

Nel piano finanziario di supporto a cui sta lavorando l’amministrazione anche il “Buono Mensa Sospeso” per le famiglie

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Dogliani: le attività non pagheranno la Tosap e avranno una riduzione su Tari e imposta sulla pubblicità

Immagine tratta da "Sei di Dogliani se..."

Il progetto “Open Space” per concedere suolo pubblico gratuito a bar, vinerie e ristoranti di Dogliani in modo da permettere di allargare i dehors (o crearne di nuovi) e agevolare i distanziamenti era stato solo un gustoso “antipasto”. L’amministrazione Arnulfo sta lavorando, infatti, ad un vero e proprio “piano finanziario di supporto” per la cittadinanza: l’intento è quello di alleggerire le conseguenze della chiusura necessaria di questi mesi per le attività produttive, artigianali e commerciali, le associazioni e le famiglie. «Sono in programma e al vaglio degli amministratori, in particolare sotto la supervisione dell’assessore al Bilancio Roberto Occelli e del responsabile amministrativo di settore Osvaldo Boggione - fanno sapere dal Comune -, una serie di interventi di riduzione, proroga o annullamento delle pressioni fiscali generate dai tributi comunali che normalmente vengono riscossi dall’ente. La complessità maggiore nella stesura di questa manovra di agevolazioni sta nel trovare le coperture finanziarie adeguate, senza però diminuire in quantità e qualità i servizi necessari che il Comune eroga e dovrà erogare durante il corso dell’anno alla cittadinanza. Proprio in merito a questo aspetto, parte delle coperture trovate all’interno del bilancio provengono dai compensi riservati agli amministratori, relativi agli anni 2019-2020, ai quali l’amministrazione guidata dal sindaco Arnulfo ha deciso di rinunciare e di lasciare nelle casse comunali per migliorare la gestione finanziaria del Comune nel corso dell’anno (compresi i gettoni di presenza dei consiglieri di minoranza, che hanno aderito alla proposta)».

Scendendo nel dettaglio bisogna incominciare a dire che le attività commerciali e produttive presenti a Dogliani quest’anno non pagheranno la Tosap, la Tassa occupazione suolo pubblico (annullata anche agli ambulanti nel periodo di chiusura dei mercati ndr). Usufruiranno di una riduzione della Tari, la Tassa sui rifiuti, nel periodo di forzata chiusura, e dell’imposta sulla pubblicità (le scadenze dei pagamenti sono già state posticipate), invece, alberghi, agriturismi, uffici, agenzie e studi professionali, bar, ristoranti, pub, enoteche con mescita, pizzerie, pasticcerie, negozi, attività artigiane, botteghe, attività industriali con capannoni, attività di vendita fiori e piante, attività di carrozzeria, elettrauto, autofficine, autorimesse, magazzini senza vendita e attività connesse all’agricoltura.

GLI AIUTI PER ASSOCIAZIONI E FAMIGLIE

Un aiuto, infine, sarà dato anche ad associazioni e famiglie: per le prime è prevista una riduzione del canone  di utilizzo o gestione dei locali, per le seconde una riduzione, nel periodo di chiusura delle scuole, del contributo per il trasporto alunni (la riscossione del contributo già maturato viene posticipata a fine giugno ndr) e la restituzione degli importi già pagati per i buoni mensa elettronici. «È legata ai buoni mensa - aggiungono dal Comune - la proposta del “Buono Mensa Sospeso”, ossia la possibilità di devolvere i buoni già pagati e non più utilizzabili nominalmente, a ragazzi di età inferiore e ancora iscritti dei diversi cicli di studi dell’Istituto Comprensivo di Dogliani. Questo progetto si ispira al principio che chi può dona, e chi ha bisogno, può usufruirne: una staffetta solidale a favore delle generazioni più giovani».

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl