MENU

LANGA

Dogliani: il progetto dell’Istituto Comprensivo si conclude con un documentario sullo Schellino

Il video, già on-line, è stato preparato e interpretato da 15 ragazzi di 3ª media

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:

Iniziato nell’anno scolastico 2018/2019, si conclude con quello attuale il progetto di educazione alla bellezza dell’Istituto Comprensivo “Einaudi” di Dogliani, finanziato dalla Fondazione Crc. Grappoli di Bellezza, fin da subito, si è rivelato un progetto interdisciplinare, connotato da interventi didattici trasversali e alternativi. In particolare, “Giovanni Battista Schellino: Grappoli di Bellezza”, il prodotto conclusivo del percorso biennale, è stato preparato e interpretato nella sua interezza da 15 ragazzi di 3ª media: Agnese Cerutti, Noemi Rovella, Alì El Mourida, Michela Rinaldi, Carlo Zabaldano, Tommaso Allocco, Viola Guardari, Gabriele Mirauta, Clelia Marenco, Matilda Palladino, Federico Botto, Sofia Borsarelli, Anita Galizio, Lorenzo Giampaolo, Davide Rolfo. «Si tratta - dicono dall’Istituto Comprensivo - di un documentario che, in occasione del suo bicentenario di nascita nel 2018, vuole valorizzare la figura dell’architetto doglianese Giovanni Battista Schellino: gli alunni coinvolti ne hanno studiato la vita e le opere e, guidati dal referente del progetto, hanno preparato la sceneggiatura del cortometraggio, realizzato, in seguito, grazie al contributo e alle direttive di Livio Taricco, esperto di cinematografia e effetti speciali, docente dell’Accademia delle Belle Arti di Cuneo. Una sessantina abbondante di ore di preparazione e realizzazione nell’arco di due anni, per arrivare a un prodotto che, come propone il progetto, vorrebbe porre l’accento sulle bellezze culturali e sulle potenzialità umane migliori del territorio doglianese: “Giovanni Battista Schellino: Grappoli di Bellezza”, infatti, sarà disponibile non solo sul sito della scuola, ma anche su quello del Comune e dell’Ufficio Turistico di Dogliani. Un ringraziamento speciale alla Dirigenza Scolastica (Elena Sardo e le collaboratrici Maria Gemma Manzi e Alessia Fia), alla Cooperativa Momo e alla Fondazione Crc per il sostegno - anche in tempi pandemici -, ai docenti direttamente e indirettamente coinvolti, a Livio Taricco, ma, soprattutto, ai quindici protagonisti del progetto».

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl