MENU

LANGA

Carrù, Giorgio Pellegrino: «Ora che sono guarito dal Covid-19 posso andare in pensione»

Intervista all’impiegato comunale, Capogruppo degli Alpini e “anima” della Fiera del Bue Grasso

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Carrù, Giorgio Pellegrino: «Ora che sono guarito dal Covid-19 posso andare in pensione»

«Sono guarito dal virus Covid-19». Giorgio Pellegrino, impiegato comunale di Carrù e “anima” della Fiera del Bue Grasso, aveva scelto la sua pagina Facebook per annunciare la fine di un incubo incominciato a metà aprile con il ricovero in ospedale: prima a Mondovì e poi a Ceva. “In effetti - ha scritto Pellegrino con la consueta dose di ironia - sono rientrato a casa lunedì 25 maggio, ma solo oggi, dopo una adeguata cura casalinga a base di bollito e Dolcetto, mi rendo conto di aver finito il cammino della malattia”. Nel suo “post”, pubblicato il 31 maggio assieme al testo della Canson ‘d Carù di Franco Vacchetti, i ringraziamenti a chi gli è stato vicino in questi mesi. “Devo innanzitutto dire grazie - ha scritto il 63enne da mercoledì 1° luglio, in pensione - tutti i medici, gli infermieri/e e gli operatori sanitari che, con professionalità, dedizione e anche umana simpatia, mi hanno curato per quarantadue giorni, prima presso il pronto soccorso e il reparto Covid dell’Ospedale di Mondovì e poi presso lo specifico reparto dell’Ospedale di Ceva. A loro porgo la mia modesta gratitudine, anche se avverto che tuttora non sono in grado di riconoscerli fisicamente, per il fatto che li ho solo e sempre visti vestiti con gli indispensabili dispositivi di protezione individuale. Parimenti ringrazio il personale del 118 di Dogliani e i volontari del Gruppo Soccorso di Clavesana. Esprimo riconoscenza a chi è stato in ansia per me (in particolare mia moglie Romana, mia figlia Arianna e mia mamma Beatrice) e a tutti coloro che, con telefonate, messaggi e preghiere, hanno espresso affetto e amicizia. Vi ricorderò perché mi avete accompagnato nei lunghi giorni di degenza, offrendomi momenti di sollievo che mi hanno riportato in mente i versi della Canson ‘d Carù di Franco Vacchetti: perché costa-si l’è la stòria ch’an gropa a Carù”. Venerdì siamo andati a trovarlo.

Giorgio Pellegrino, da mercoledì è in pensione: ricorda quando quarant’anni fa iniziò a lavorare per il Comune di Carrù?

«Era il 1981 e io avevo 23 anni. Dopo aver lavorato in officina da mio papà, elettromeccanico cuneese che a Carrù ha trovato lavoro e moglie, ho vinto il concorso. Cosa ricordo di quel periodo? La confusione di ricevere tante informazioni tutte insieme!».

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl