MENU

LANGA

L’Agenzia delle Entrate chiede quasi 40.000 euro alla Pro Loco di Carrù che ha rinnovato il direttivo

Il confermato presidente Gino Nasari: «La verifica fiscale è relativa all’anno 2016»

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
L’Agenzia delle Entrate chiede quasi 40.000 euro alla Pro Loco di Carrù che ha rinnovato il direttivo

In attesa di sapere se il Parlamento prorogherà lo stato di emergenza, la Pro Loco di Carrù fino a fine mese non può organizzare eventi. Ieri sera, intanto, ha rinnovato le cariche sociali nel corso della famosa assemblea straordinaria dei soci (209) che si sarebbe dovuta tenere entro fine aprile ma, causa Covid, era stata rinviata a data da destinarsi. Confermato “in toto” il direttivo che ha retto le redini dell’associazione negli ultimi tre anni, compreso il presidente Gino Nasari a cui è toccato il compito di informare i presenti della visita, avvenuta il 27 gennaio, di due funzionari dell’Agenzia delle Entrate di Cuneo e degli sviluppi. «I funzionari - ha detto Nasari sotto l’Ala Borsarelli - sono venuti per un accertamento relativo al 2016, anno di competenza del direttivo precedente in quanto siamo in carica dal 23 maggio 2017. Dopo due mesi ci hanno consegnato un verbale da cui emerge come siano state accertate imposte non versate per circa 18.000 euro. Purtroppo la cifra che ci chiede l’Agenzia delle Entrate, tra multa e interessi, è lievitata...».

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl