MENU

LANGA

A Carrù la Fiera del Bue Grasso è… in scatola!

I ristoranti giovedì proporranno panini a bollito e carne cruda da asporto: il ricavato va alle scuole

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
A Carrù la Fiera del Bue Grasso è… in scatola!

Con l’entrata in vigore del Dpcm del 3 dicembre il Piemonte, che presto diventerà zona “gialla”, è rimasto “arancione”. Di conseguenza giovedì, giorno della Fiera Nazionale del Bue Grasso, i bar e i ristoranti di Carrù potranno solo vendere d’asporto ai residenti. Anche i templi della ristorazione di “Piacere… Carrù” che, dopo ben due riunioni (una “in presenza” e una virtuale), hanno “partorito” una simpatica iniziativa dal titolo “La Fiera in scatola”. In pratica il 10 prepareranno box contenenti un panino con il bollito e un panino con la carne cruda: la cosa bella è che tutto il ricavato sarà devoluto alle Scuole Elementari dell’Istituto Comprensivo. «Onestamente - spiega Daniele Lubatti, consigliere comunale e titolare dell’Osteria del Borgo - avevamo in mente un altro progetto che, per via delle restrizioni, non abbiamo potuto realizzare. Così ci siamo indirizzati sulla “Fiera in scatola”, un modo per essere presenti e permettere a chi parteciperà di portarsi a casa un piccolo pezzo di Fiera».

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl